• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f globularia 001   Nome scientifico: GLOBULARIA  BISNAGARICA
  Nome comune: GLOBULARIA-VEDOVINA DEI PRATI
  Famiglia: Plantaginaceae-(Globulariaceae)
  Fioritura: Marzo - Giugno
  Habitat: Prati e pascoli aridi, sassosi, soleggiati. Terreni calcarei. Fino a 1500 metri. Non è presente in Sicilia e in Sardegna.


Descrizione

cdg-f-globularia dis

Pianta erbacea perenne con radici robuste di consistenza quasi legnosa, adatte ad aggrapparsi tenacemente a terreni pietrosi e inospitali. Può raggiungere i 20 cm di altezza, prolungando il suo stelo durante tutta la fase della sua fioritura.

Le foglie basali sono piuttosto consistenti, di color verde scuro, con evidenti nervature laterali, di forma spatolata-obovale  leggermente dentate, attenuate in un lungo picciolo possono raggiungere anche una decina di centimetri. Formano una rosetta dalla quale si dipartono steli eretti, che nella loro lunghezza sono circondati da numerose foglioline alterne, abbraccianti, senza peduncolo, di color verde chiaro, lunghe 1-2 centimetri.

L'infiorescenza è un capolino solitario terminale, di circa 2 cm e mezzo di diametro, di aspetto globoso sorretto da brattee appuntite. Ogni piccolo fiore che la compone, ha un calice tubolare diviso in 5 denti irregolari; bilobi gli inferiori, trilobi e più grandi i superiori, di un bel colore azzurro-violetto.

Il frutto è un achenio oblungo formato da un seme racchiuso nel calice persistente.

Tutte le parti della pianta contengono "Globularina" e altre sostanze tossiche in grado di provocare vomito, vertigini e collassi.

Anticamente venivano utilizzati, in quantità moderata, decotti di foglie come purgante e depurativo della cistifellea.

Il nome della pianta deriva dal latino "Globulus" che significa 'piccola sfera' chiaramente riferito alla forma dell'infiorescenza, mentre l'epiteto significa circondata di raggi.

La Globularia ritenuta una specie piuttosto rara, viene tutelata e protetta da speciali leggi regionali.

                    



  cdg f globularia 002
   
   
   
   
   

Globularia -- Globularia bisnagarica