• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-lattuga-perenne   Nome scientifico: LACTUCA PERENNIS
  Nome comune: LATTUGA RUPESTRE
  Famiglia: Asteraceae
  Fioritura: Aprile-Luglio
  Habitat: pianta xerofila che predilige ambienti aridi, come pietraie, pendii rocciosi con substrato preferibilmente calcareo. Fino a 1500 m. Non è presente in Puglia, Sicilia e Sardegna.


Descrizione

cdg-f-lattuga-perenne dis

La Lattuga rupestre è una pianta erbacea perenne piuttosto rara, alta da 20 a 70 cm.

Le sue radici fittonanti sono di forma cilindrica, grosse e carnose di colore marronastro e sono in grado di spingersi in profondità per trovare l’umidità necessaria a sopravvivere in habitat difficili.

In tutta la pianta è presente un lattice biancastro, più concentrato nel gambo e nelle radici.

I fusti sono glabri, eretti, ramificati e arcuati in l’alto.

Le foglie sono di colore blu-verdastro. Le inferiori, munite di picciolo, lunghe fino a 20 cm, hanno diverse divisioni lanceolate, talvolta dentellate, mentre quelle che si trovano lungo il fusto sono più piccole e abbraccianti. La rosetta basale non presenta foglie appiattite al suolo, ma piuttosto verticali, per impedire un’eccessiva esposizione al sole e per ridurre la traspirazione.

 

I fiori riuniti in un’infiorescenza a pannocchia lassa, con numerosi capolini larghi 3-4 cm, formati da sole ligule di color azzurro-violaceo. Prima della fioritura sono racchiusi da involucri conici composti di squame rossastre, portati da caratteristici peduncoli penduli.

I frutti sono acheni rostrati e compressi di colore grigio piombo di appena 6/7 mm, terminanti con un pappo di peli bianchi e setolosi.

 

Nell’antica medicina popolare questa pianta era conosciuta per le sue proprietà sedative, diuretiche e digestive. Le sue foglie sono commestibili e se la specie non fosse così rara si potrebbero consumare sia crude che cotte.

 

La parola ‘Lactuca’ deriva dal latino ‘Lac-Lactis= lattice’ e si riferisce proprio all’abbondanza di lattice contenuto nella pianta. Con l’epiteto ‘perennis’ si descrive invece, la lunga durata del suo ciclo vegetativo.

 

Fotografata durante il percorso che porta alla Rocca di San Silvestro

                    



  cdg-f-lattuga-perenne 002
  cdg-f-lattuga-perenne 003
  cdg-f-lattuga-perenne 004
   
   
   

Lactuca perennis -- Lattuga rupestre