• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg r alisso montano 001   Nome scientifico: LINUM TOMMASINII
  Nome comune: LINO DI TOMMASINI
  Famiglia: Linaceae
  Fioritura: Aprile-Luglio
  Habitat: Si trova prevalentemente su prati e pascoli aridi, su terreni sassosi,ghiaiosi, su rupi calcaree e rocce ofiolitiche da 300 a 800m. Non è presente nelle regioni dell'Arco Alpino settentrionale e in Sardegna.


Descrizione

cdg-r-lino-celeste dis

Pianta erbacea perenne, di struttura assai gracile, con apparato radicale a fittone, presente in Italia con 2 sottospecie, dalle caratteristiche molto similari.

I suoi fusti fioriferi sono cilindrici, lisci, di color verde chiaro con portamento piuttosto eretto e incurvato all'estremità che sorregge il fiore. Possono essere alti fino a 30 cm e si ramificano solo vicino all'infiorescenza.

 

Le foglie lineari, lanceolate, acute all'apice, sono di color verde-grigio. Non hanno peduncolo e si presentano apprressate ai fusti.

 

L'infiorescenza può essere composta da 2 o 4 fiori, piuttosto penduli. Il calice è formato da sepali eretti lanceolati di colore verde. L'ampia corolla, grande da 2 a 4 cm ed è formata da 5 petali, precocemente caduchi; spatolati con margine arrotondato di un bellissimo colore celeste, attraversato da numerose nervature più scure, con stami giallo-biancastri.

I frutti sono capsule ovoidali contenenti semini appiattiti e marronastri, dai quali viene estratto un olio utilizzato nell'industria cosmetica per detergenti e lozioni per il corpo.

 

La specie prende il suo nome dal greco "Linon", successivamente  'Linum' per i latini, che significa "fibra", per ricordare la preziosità del suo filato. Infatti fin da tempi remoti il lino veniva utilizzato per produrre un filo per la tessitura, come testimoniano i ritrovamenti delle bende con cui gli antichi egizi avvolgevano le mummie. La specie è dedicata a M.Tommasini, studioso botanico vissuto dal 1794 al 1879.

 

Fotografata nel Puntone di Farneta.

                    



  cdg-r-lino-celeste 002
   
   
   
   
   

Lino di Tommasini  --  Linum Tommasinii