• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-lingua-di-cane   Nome scientifico: CYNOGLOSSUM CRETICUS
  Nome comune: LINGUA DI CANE A FIORI VARIEGATI
  Famiglia: Boraginaceae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Habitat: Lungo fossati, greti asciutti, suoli calcarei fino a 1200 mt. Non è presente in Val d'Aosta


Descrizione

cdg-f-lingua-di-cane dis

Pianta erbacea a ciclo biennale alta fino a 60 cm con fusto eretto angoloso e ramificato nella parte superiore.

Tutta la pianta è cosparsa da una densa peluria grigiastra che le conferisce un aspetto feltroso. La pianta produce nel primo anno una rosetta di foglie basali lunghe 7-9 cm di forma oblunga lanceolata. Nel secondo anno invece, la pianta emette il fusto con le piccole foglie che lo abbracciano e si restringono progressivamente fino alla tipica infiorescenza scorpioide.

 

I fiori hanno il calice diviso in 5 lobi oblunghi ricoperti di peluria. L'appariscente corolla imbutiforme (di 6-9 mm di diametro) è caratterizzata da un anello centrale di colore scuro. All'inizio della fioritura, i fiori sono di colore rossastro, per splendere poi in una particolare tonalità di azzurro tenue con evidenti striature blu-violetto con disegno a reticolo.

Il frutto, di aspetto assai particolare, è formato da 4 elementi globosi di aspetto convesso, fittamente ricoperti di piccole spine uncinate.

 

La pianta è tossica e se strofinata emette un odore sgradevole. In passato  veniva usata per combattere l'insonnia e l'agitazione nervosa, ma il suo utilizzo è stato abbandonato per la presenza di sostanze alcaloidi epato-tossiche, pericolose se ingerite. Con le foglie, unite a un impasto di sugna, venivano preparati degli impacchi da applicare direttamente sugli eczemi e sulle ustioni.

 

L'etimologia del suo nome proviene da due parole greche: "Kynos"=cane e "Glòssa"=lingua e si riferiscono alla forma, alla consistenza e alla ruvidità delle foglie che ricordano la lingua di un cane. L'aggettivo "Creticum", proviene dal latino e ricorda l'habitat di origine della pianta che è riferito all'Isola di Creta.

                    



  cdg-f-lingua-di-cane 002
  cdg-f-lingua-di-cane 003
   
   
   
   

Lingua di cane -- Cynoglossum creticus