• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

IL MUFLONE (Ovis musimon)

A cura di Anna Moratti

Ordine: Artiodactyla muflone
Famiglia: Bovidae
Genere: Ovis
Sottospecie: Caprinae
Specie: Ovis musimon
muflone impronte
           

Distribuzione e Habitat:

muflone5Non si sa con certezza se il Muflone, in epoche molto lontane, circa 6000/7000 anni fa, fosse già presente in Asia Minore e nel Caucaso e quindi successivamente introdotto in Sardegna e in Corsica. Oggi trova credito l’opinione, secondo cui il muflone possa provenire da un antenato addomesticato, successivamente rinselvatichito e introdotto dai romani.

L’area di distribuzione di popolazioni autoctone della specie è circoscritta alla Sardegna, nelle zone del Gennatgentu e del Montiferru, ma la sua presenza è cospicua su tutta la Penisola e in gran parte delle isole minori.

Il Muflone si adatta facilmente a una grande varietà di habitat, ma predilige ambienti boscosi con presenza di zone rocciose, alternate a formazioni vegetali,  erbacee e arbustive, dove potersi rifugiare  in caso di pericolo. Lo si può trovare fino a 1500 metri.

Descrizione:

muflone2Può misurare circa m 1,10 a 1, 30 dalla testa fino all’attaccatura della coda e 60-75 cm, fino all’altezza della spalla, per un peso tra 25 a 40 kg dei maschi adulti.  La forma del corpo è compatta, simile a quella della pecora domestica; il colore del mantello varia a seconda del sesso e delle stagioni. muflone4Nei maschi è più scuro, nelle tonalità bruno-rossiccio, che diventano più scure in inverno. Talvolta nei maschi adulti è presente una lanosità biancastra che ricopre la schiena, chiamata ‘sella’. Le parti che cerchiano gli occhi e gli orecchi, sul muso, sul ventre,  fino alla parte posteriore e sulle zampe il pelo si presenta bianco. La testa è di medie dimensioni, il muso allungato, arrotondato all’estremità. Le orecchie sono piccole e dritte, mentre gli occhi sono molto grandi, espressivi, di colore nocciola sfumato.

Il maschio vanta grandi corna ricurve, non caduche né ramificate, lunghe fino a 60 cm del peso di 4-5kg. Sono  avvolte a spirale e rivolte all’indietro, con visibili anelli di accrescimento. muflone1Le femmine possono presentare invece  piccole protuberanze ossee frontali o esserne del tutto prive.  Il tronco è robusto, più aggraziato nelle femmine e termina con una coda corta di poco meno di 10 cm. Gli arti lunghi e ben sviluppati terminano con due grosse dita munite di zoccoli robusti, adatti a spostamenti su terreni difficili e rocciosi. I movimenti del muflone sono agili e rapidi, ma non è molto resistente nella corsa.  Il suo verso è simile al belato di una capra.

Alimentazione:

Il muflone è un ruminante, pascolatore poco esigente che provvede alla sua alimentazione soprattutto nelle ore notturne, mentre il giorno si riposa e si nasconde nei boschi. Bruca fogliame, germogli, graminacee ed altre erbe di consistenza coriacea rifiutate da altre specie.

Riproduzione:

muflone3I mufloni hanno abitudini gregarie; le femmine vivono in harem con i piccoli dell’anno precedente, mentre i giovani si radunano in gruppi formati di solito da esemplari della medesima età, distanti dai più vecchi che tendono a vivere in maniera solitaria.

La stagione degli amori generalmente comincia da ottobre a dicembre. I maschi raggiungono i branchi delle femmine e iniziano a competere fra sé per attrarre la loro attenzione e stabilire le gerarchie a forza di conflitti. Le lotte si svolgono corpo a corpo o spalla a spalla, talvolta però le più cruente vedono sfidarsi i maschi che si dispongono frontalmente, uno davanti all’altro sbuffando e agitando la testa, fin quando, dopo una breve corsa, non risolvono la loro competizione a furia di violente cornate.

Dopo l’accoppiamento e un periodo di gestazione che dura dalle 21 alle 23 settimane, la femmina partorisce un piccolo (raramente 2), verso aprile maggio o a primavera inoltrata. I piccoli sono in grado di alzarsi pochi attimi dopo la nascita e vengono allattati a intervalli ravvicinati di circa 15 minuti.  Verso il quarto mese, ai piccoli maschi iniziano a spuntare le corna, mentre la maturità sessuale giungerà intorno al 3° anno di età.

Nemici:

muflone6Il principale predatore è il lupo e nelle zone dove si è maggiormente consolidata la sua presenza, il muflone si è fortemente ridotto, fino a scomparire.  Occasionalmente anche la volpe, l’aquila o il gufo reale, dove presenti, possono cacciare i piccoli mufloni.

Da tempo immemorabile l’uomo cattura abusivamente il mufloni, insidiandoli con trappole, attirandoli col richiamo del belato della femmina, o cacciandoli d’agguato. Attualmente la caccia viene esercitata in maniera selettiva con le modalità e i tempi  consentiti, regolamentati da speciali leggi regionali.

Il maschio del muflone può vivere fino a 12 anni, la femmina invece,  la ‘mufla’, un poco più longeva può raggiungere anche 15 anni di età.