• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f maggiociondolo 001   Nome scientifico: LABURNUM ANAGYROIDES
  Nome comune: MAGGIOCIONDOLO - AVORNIELLO
  Famiglia: Fabaceae
  Fioritura: Maggio – Luglio
  Habitat: Boschi radi di latifoglie e pendii soleggiati. Fino a 1600 metri. Non è presente in Sicilia e in Sardegna.


Descrizione

cdg-f-maggiociondolo dis

Il Maggiociondolo è una pianta originaria dell’Europa Meridionale e in seguito inselvatichita. In primavera crea macchie di colore giallo, tra il verde dei nostri boschi di latifoglie.

E’ un arbusto o un piccolo albero dalla chioma irregolare ovale, disordinata, con rami ascendenti, alta fino a 7 metri. La corteccia del fusto è liscia, di aspettp sericeo, di colore verde-grigiastra o bruna a seconda dell’età della pianta.

Le foglie sono caduche, composte da tre foglioline ovali, appuntite lunghe fino a 8 cm di color verde chiaro che nella parte inferiore si presentano più grigie e ricoperte di peluria.

I fiori sono di color giallo vivo, molto profumati con la stessa forma di quelli del pisello, riuniti in grappoli lunghi anche 30cm.

 

cdg f maggiociondolo 008I frutti sono baccelli allungati, dai 4 agli 8 cm, all’inizio vellutati, poi glabri o bruni a maturazione avvenuta. Al loro interno si trovano dei semi neri molto velenosi. Tutta la pianta infatti contiene “Citisina”, un alcaloide che può provocare la morte.

Il legno durissimo, è usato per palizzate resistenti, lavori al tornio e a intarsio, nonché per costruire le spine delle botti.

L’etimologia del suo nome è assai incerta, ma si pensa provenga dal latino “eburneun” che significa “color ebano”, riferito alle caratteristiche del suo legno. Infatti il legno di questa pianta, una volta tagliato, si ossida e si annerisce con facilità e proprio per questa caratteristica veniva usato in sostituzione dell’ebano, sicuramente molto più costoso.

 

Fotografato nella Riserva di Montenero.

                    



  cdg f maggiociondolo 002
  cdg f maggiociondolo 009
  cdg f maggiociondolo 004
  cdg f maggiociondolo 005
  cdg f maggiociondolo 006
  cdg f maggiociondolo 007

Maggiociondolo -- Laburnum anagyroides