• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f orc maculata 001   Nome scientifico: DACTYLORHIZA MACULATA
  Nome comune: ORCHIDEA MACULATA
  Famiglia: Orchidaceae
  Fioritura: Maggio-Luglio
  Habitat: Boschi latifoglie, sia umidi che aridi, luoghi soleggiati, scarpate sassose. Suoli preferibilmente calcarei, fino a 2000m. Non è presente in Sardegna, rara in Sicilia.


Descrizione

cdg-f-orc-maculata dis

Il gruppo "Dactylorhiza" comprende alcune specie e sottogruppi di difficile riconoscimento, tanto che molti botanici si rifiutano di considerarle specie separate.

Questa orchidea originariamente fu definita dal botanico Linneo col nome di "Orchis Maculata", modificato successivamente con quello attuale proposto nel 1962 dal botanico ungherese Soò.

Pianta erbacea perenne alta fino a 60 cm, con radici fascicolate secondarie a due rizotuberi profondamente palmati, dai quali si diparte un fusto eretto, slanciato, cilindrico, assai foglioso.

Le foglie sono allungate, acute, abbraccianti il fusto, disposte in modo alterno e presentano macchie fittamente maculate nella pagina superiore.

L'infiorescenza è costituita da una spiga cilindrica allungata, più o meno densa formata da numerosi fiori grandi, di colore violetto chiaro.

I sepali esterni laterali sono eretti, rivolti all'infuori, di colore maculato. Il labello è profondamente trilobo, più largo che lungo decorato con particolari disegni con linee e puntini violacei, di color bianco roseo con striature e macchie più scure, con lobo mediano stretto e allungato.

Lo sperone cilindrico è curvato verso il basso.

Le radici di questa orchidea sono legate ad una antica credenza popolare, per cui le fanciulle innamorate cercavano di capire, dalla forma delle "dita" delle sue radici, se il loro amato le avrebbe o no corrisposte.

 

Il nome del genere infatti, è formato da due parole greche: "Dactylos" e "Rhiza" che significano "dito e radice" con chiaro riferimento alla forma dei tuberi. Con l'aggettivo "maculata" invece, si specificano le numerose macchie che sono sulle foglie di questa pianta.

 

Specie protetta.

                    



  cdg f orc maculata 002
  cdg f orc maculata 003
   
   
   
   

Orchidea Maculata -- Dactylorhiza maculata