• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f polanisia 001   Nome scientifico: POLANISIA DODECANDRA TRACHYSPERMA
  Nome comune: POLANISIA
  Famiglia: Cleomacaceae-Capparacaceae
  Fioritura: Luglio-Settembre
  Habitat: Frequente lungo rive, alvei, greti arenacei dei corsi d’acqua. Ambienti fluviali assolati, fino a 600 metri. Neofita naturalizzata solo in Piemonte, Lombardia, Emilia, Liguria, Toscana e Lazio.


Descrizione

cdg-f-polanisia dis

La Polanisia è una curiosa pianta segnalata in Italia come avventizia intorno al 1960, con rapida espansione nel tratto di Pianura Padana che attraversa Piemonte e Lombardia e presente soprattutto in Liguria e in Toscana. La sua provenienza è incerta, ma si pensa che sia sfuggita da habitat particolari del Canada e dell'America settentrionale.

La Polanisia è una pianta erbacea annuale con apparato radicale costituito da un lungo fittone, privo di rizomi, ma contornato di forti radichette laterali, in grado di insinuarsi tra le pietre, aggrappandosi tenacemente.

Il fusto è rigido, eretto e ramificato fin dalla base. Tutta la pianta è ricoperta di peluria appiccicosa, che se toccata si attacca alle mani emettendo anche un odore sgradevole. Durante la fioritura cresce fino a raggiungere anche un metro di altezza.

Le foglie trifogliate, appiccicose e viscose al tatto, sono  sorrette da lunghi  peduncoli  e costituite da 3 elementi lanceolati acuminati (2x4cm), di colore verde opaco chiaro, con nervature evidenti.

L’infiorescenza è costituita da un ampio racemo terminale composto da numerosi fiori color bianco-crema con base violacea. Il calice è diviso in 4 sepali di colore rosso e ogni singolo fiore, portato su lungo peduncolo peloso, ha 4 petali eretti, a forma di cuore (2 cm), con numerosi e lunghi stami violacei (circa 12). I petali hanno un curioso artiglio prominente e un vistoso nettario rosso-arancio lucido.

I frutti appaiono come capsule appiattite, simili a lunghi baccelli (40-70 mm), divisi in valve reticolate, contenenti numerosissimi semi discoidali scuri e ruvidi, del diametro di circa 2mm.

 “Polanisia” deriva dalle parole greche “polus=molto e anios=diverso-disuguale” ed è riferito alla diversa lunghezza dei numerosi stami e anche il nome della specie “Dodecandra” allude ai 12 stami del fiore. La pianta venne classificata come “Dodecandra” nel 1753 da Linneo e venne rinominata in seguito nel 1840, dai naturalisti Torrey e Gray come “Trachysperma” per descrivere la ruvidità dei suoi semi.

 

Presente soprattutto nel greto del Cecina, in maniera sporadica anche presso gli altri corsi d’acqua della Valle.

cdg f polanisia 003

  cdg f polanisia 002
  cdg f polanisia 004
  cdg f polanisia 005
  cdg f polanisia 006
   

Polanisia -- Polanisia dodecandra trachysperma