• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f persicaria maculosa 001   Nome scientifico: PERSICARIA MACULOSA - POLYGONUM PERSICARIA
  Nome comune: POLIGONO - PERSICARIA
  Famiglia: Polygonaceae
  Fioritura: Luglio-Agosto
  Habitat: vegeta in zone umide, nei pressi di rive e fossati. Presente in tutti Italia fino a 1300 metri.


Descrizione

cdg-f-persicaria-maculosa dis

Pianta erbacea annua alta da 30 a 60 cm, ma che può raggiungere anche un metro di altezza, con fusto eretto o prostrato ascendente, dall’aspetto lucido, talvolta un po’ arrossato. E’ piuttosto ramificato con caratteristici nodi ingrossati.

Le foglie sono alterne color verde brillante, lanceolate oblunghe con una macchia scura a forma di “V” rovesciato nella parte superiore. Sopra sono glabre, mentre nella parte inferiore hanno una leggera pelosità lucida. Sono lunghe fino a 5-6 cm, talvolta con bordi ondulati. Alla base sono racchiuse da una guaina fogliare a forma di nodo setoloso rossastro che abbraccia il fusto.

L’infiorescenza è raggruppata in spuntoni terminali penduli, densi, lunghi fino a 7 cm composti da 4-5 piccoli lobi rosa fusi alla base, visibili sia nella fase di germoglio, che in piena fioritura. Sono caratteristici i tepali che hanno una venatura a forma di ancora.

Il frutto è un achenio lucente di colore nero.

Usata in passato come pianta officinale per le sue proprietà emostatiche dovute alle notevoli quantità di sostanze tanniche, desunte nel medioevo dalla teoria della “medicina dei segni”, per cui gli arrossamenti presenti sullo stelo facevano pensare che potesse curare il sangue. Teoria, incredibilmente confermata anche dalle moderne sperimentazione. Oggi infatti le proprietà di vasocostrittore, flebo-tonico ecc, sono riconosciute e apprezzate in omeopatia e in fitoterapia con preparati per tisane e tinture madri.

Il nome della pianta proviene dalla parola latina Persica= pesca, dovuta alla rassomiglianza delle sue foglie con quelle del pesco. L’aggettivo maculosa, descrive invece la tipica macchia sulla loro superficie. Il nome della specie “Polygonum”, significa che ha molti angoli, con riferimento ai nodi e ai segmenti lungo il fusto.

                    



  cdg f persicaria maculosa 002
  cdg f persicaria maculosa 003
  cdg f persicaria maculosa 004
  cdg f persicaria maculosa 005
   
   

Persicaria -- Persicaria maculosa - Polygonum persicaria