• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-radicchiella   Nome scientifico: CREPIS SANCTA
  Nome comune: RADICCHIELLA DI TERRASANTA- MESTOLINO
  Famiglia: Asteraceae-(Compositeae)
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: Comune negli habitat più svariati, luoghi incolti o coltivati, uliveti, margine di strade e sentieri fino a 1000 m


Descrizione

cdg-f-radicchiella dis

Il genere “Crepis” di cui fa parte questa radicchiella, raccoglie in Italia circa una trentina di specie diverse, caratterizzate da un accentuato polimorfismo, tutte piuttosto rassomiglianti, tutte commestibili e interessanti dal punto di vista fitoalimurgico.

La Radicchiella di Terrasanta è una pianta erbacea annuale con apparato radicale formato da una serie di sottili radichette. E' alta fino a una trentina di cm, con fusti eretti pubescenti, che possono essere semplici o ramosi, color verde rossiccio, che emettono un latice biacastro se recisi.

Le foglie basali sono riunite in rosette aderenti al suolo, hanno forma obovata-spatolata, lunghe fino a 10 cm e larghe fino a 2, con margine dentato. Lungo il fusto le foglie si riducono in piccole brattee squamiformi.

L'infiorescenza  è formata da capolini singoli o disposti in corimbi di pochi elementi (massimo 4-6). I fiori  sono ligulati, di colore giallo brillante, talvolta con sfumature rossiccie nella parte esterna. Le brattee esterne che li avvolgono sono piccole e ovali, quelle più interne hanno forma lanceolata,  di poco più lunghe. Spesso durante il periodo di fioritura, la pianta riesce a tappezzare completamente i prati, creando un piacevole effetto cromatico, tanto che nel secolo XVIII° veniva coltivata a scopi ornamentali.

I frutti appaiono con 3 diverse caratteristiche: quelli più esterni sono leggermente compressi, gli intermedi sono fusiformi e appuntiti, mentre i pù interni, anche se fusiformi, sono completamente lisci. Il loro pappo ha un aspetto setoso di colore biancastro.

La rosetta basale della pianta è un ottimo commestibile, da consumare cruda, quando le foglioline sono ancora tenere, appressate al suolo. Molto gradevole anche  lessata in misticanza con altre erbe selvatiche.

Utilizzata da sempre nella medicina popolare ha le stesse proprietà  depurative, diuretiche, disintossicanti della cicoria e del tarassaco.

Il suo nome scientifico, già usato da Plinio, deriverebbe dalla parola greca “Krepìs”=calzatura, riferito forse alle sue foglie appressate al suolo. L'epiteto 'sancta' sottolinea che la pianta è comunissima in Terrasanta.

                    



  cdg-f-radicchiella 002
  cdg-f-radicchiella
  cdg-f-radicchiella
  cdg-f-radicchiella
  cdg-f-radicchiella 003
   

Radicchiella di Terrasanta -- Crepis sancta