• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-b-rovo-comune   Nome scientifico: RUBUS FRUTICOSUS ULMIFOLIUS
  Nome comune: ROVO COMUNE
  Nome locale: Rogo - Pruno
  Famiglia: Rosaceae
  Fioritura: Maggio – Agosto
  Frutti: Agosto - Settembre
  Habitat: Si adatta a innumerevoli varietà di ambienti, dalla sabbia ai boschi umidi, a prode di viottoli e strade. Fino a 1000m.


Descrizione

cdg-b-rovo-comune dis

Il rovo è un arbusto infestante, dai fusti spinosi prima eretti, poi prostrati e arcuati, che ricadendo formano nuove piante, che possono diventare siepi invalicabili, usate una volta per delimitare i confini in campagna. La superficie dei fusti è glabra, rossastra ricoperta di leggera pruina cerosa. Sono muniti di robusti aculei dilatati alla base, che nei fusti sterili si presentano dritti, mentre nei fertili, sono acuati-falciformi.

Le foglie sono formate da 3-5 elementi ovali verde scuro, un po’ pelose nella parte inferiore, con margine dentellato, ricoperte di spine nella venatura.

I fiori sono riuniti in pannocchie terminali, pelose. Il calice è composto da 5 sepali ovali lungamente acuminati, ripiegati all'indietro, che tendono a separare i 5 petali, larghi 2-3 cm, di colore variabile dal bianco al rosa. 

Il frutto del rovo è la “ Mora”,  formata da numerose piccole drupe tondeggianti, contenenti ognuna un piccolo seme rotondo.  La mora è un caratteristico frutto di bosco dalle innumerevoli proprietà nutrizionali, per la presenza vitamina A e C, omega 3 e 6. Maturano in piena estate, passando dal colore verde, al rosso, poi al nero lucente e possono apparire contemporaneamente ai fiori.

Secondo una tradizione popolare, le more non andrebbero più colte dopo il 29 di settembre, giorno di San Michele. Dopo tale giorno infatti, il demonio nel suo girovagare notturno, ci sputerebbe sopra facendole seccare,ma in realtà il frutto dopo quel periodo diventa in maniera naturale più asciutto e più insipido e inutilizzabile.

Le more mature sono ottime per la preparazione di marmellate, gelatine, sciroppi e liquori, inoltre si possono gustare nel gelato, nello yogurt e nelle torte. Hanno inoltre proprietà aromatizzanti, astringenti, antinfiammatorie e il loro succo viene utilizzato come colorante alimentare o come correttivo del sapore nelle preparazioni farmaceutiche. Anche i germogli del rovo possono essere consumati in cucina, leggermente sbollentati per la preparazione di insalate che hanno anche un’azione depurativa dalle tossine.

 

La parola “Rubus” proviene dal latino “ruber” (rosso), riferito al colore che assumono i frutti durante la maturazione. L’appellativo “Ulmifolius” dal latino “Ulmus” per la rassomiglianza delle foglie del rovo con quelle dell’olmo.

                    



  cdg-b-rovo-comune 002
  cdg-b-rovo-comune 003
  cdg-b-rovo-comune 004
   
   
   

Rovo comune -- Rubus fruticosus ulmifolius