• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-b-sambuco   Nome scientifico: SAMBUCUS NIGRA
  Nome comune: SAMBUCO NERO
  Nome locale: Sambuco Nostrale
  Famiglia: Caprifoliaceae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Frutti: Autunno
  Habitat: Cresce fino nelle zone montane di tutta Italia, in terreni ricchi di azoto, in boschi umidi, siepi, rive di corsi d'acqua, tra ruderi e zone incolte fino a 1300 mt.


Descrizione

cdg-b-sambuco dis

Il Sambuco è un piccolo albero alto 5-8 metri dal tronco biforcato dal basso, molto ramificato con corteccia fessurata o un arbusto cespuglioso con molti fusti che si generano dal terreno. E' una pianta perenne a foglia caduca.

I rami più giovani sono di colore verde, mentre quelli dell'anno precedente hanno la corteccia bruno-cenere su cui spiccano delle lenticelle. La parte interna dei rami è formata da un midollo chiaro e spugnoso.

Le foglie sono opposte a 2 a 2 con il picciolo dilatato alla base e quando cadono lasciano sul ramo una cicatrice a forma di semi-luna. Sono composte da 3-5-7 foglioline con breve picciolo, ellittiche, con base a cuneo, di colore verde vivo sopra e più chiaro nella parte inferiore. Il margine è dentellato e l'apice termina con un cuneo più grande degli altri.

I fiori sono riuniti in un ampio corimbo (10-20 cm.) al termine dei rami. Hanno un piccolo calice tubolare, da dove si dividono 5 lobi arrotondati a a forma di stella, di colore bianco-giallastro e gradevolmente profumati.

I frutti sono piccole drupe di colore nero lucente, dal succo rossastro, grandi circa mezzo cm, sorrette da un peduncolo anch'esso rossastro, contenentiall' interno 2-3 semi.

Il Sambuco ha proprietà diuretiche, sudorifere, lassative, antireumatiche, antinevralgiche, emollienti. I principi attivi contenuti nei fiori e nei frutti sono oli essenziali, tannini, glucosidi, pectine, oligo elementi minerali,ecc.

Si possono usare infusi di fiori per decongestionare la pelle e gli occhi e decotti per uso esterno come lenitivo e emolliente sui foruncoli, emorroidi, scottature.

Il sambuco fin dall'antichità è sempre stato usato per le sue proprietà medicinali, tanto che una volta, non c'era casa di campagna che non ne avesse una pianta nelle vicinanze o nelle siepi di confine.

Con i frutti si possono fare distillati o marmellate dolci dalle proprietà lassative e ricche di vitamina C. Con i fiori invece, si possono cucinare  ottime frittelle, o possono essere aggiunti alle insalate.

Alcuni uccelli, tra cui la capinera si cibano di questi frutti.

Tutte le parti del sambuco, però sono tossiche, per la presenza di cianuro e alcaloidi, fatta eccezione per i fiori e per le bacche a giusta maturazione, private dei semi.

In passato, si attribuivano a questa pianta, poteri magici contro i demoni e le streghe e veniva regalata in piccoli mazzi per augurare la buona sorte.

 

Il nome Sambuco deriva dal greco "Sambike", forse in riferimento a uno strumento musicale, simile a un flauto, che veniva fabbricato con i suoi rami svuotati del midollo. L'aggettivo "niger" vuol dire nero, chiaramente riferito al colore dei suoi frutti.

  cdg-b-sambuco 002
  cdg b sambuco 003
  cdg-b-sambuco 004
   
   
   

Sambuco -- Sambucus nigra