• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-b-sorbo-comune   Nome scientifico: SORBUS DOMESTICA
  Nome comune: SORBO COMUNE
  Nome locale: Sorbo
  Famiglia: Rosaceae
  Fioritura: Maggio-Giugno
  Frutti: Autunno
  Habitat: Presente in tutta Italia, predilige suoli calcarei, anche argillosi in associazione col cerro, la quercia e la roverella. Si trova fino a 800 metri.


Descrizione

cdg-b-sorbo-comune dis

Piccolo albero con chioma conica espansa, rami ascendenti che può essere alto fino a 15 metri. Ha tronco dritto con corteccia grigio-verdastra nelle piante più giovani, per diventare bruna e fessurata in piccole placche irregolari, con l'età.

Data la sua lenta crescita è un albero molto longevo, che può vivere fino a 400-600 anni.

Le foglie sono alterne composte da 11-21 foglioline ovali, arrotondate alla base, con margine dentato, portate su robusto picciolo. La superficie delle foglie più giovani è pelosa, per diventare in seguito verde brillante e glabra.

I fiori riuniti in ampi corimbi ricoperti da lanugine biancastra. Il calice è composto da 5 piccoli sepali triangolari e la corolla ha 5 petali bianchi rotondeggianti, con base cuneata.

I frutti possono avere la forma di una piccola mela o più allungati come una piccola pera giallo-verdastre, sfumate di rosso, anche se i veri frutti sono i due piccoli acheni scuri contenuti al loro interno. 

 Le sorbe sono commestibili solo se molto mature o dopo le gelate invernali.

Sono ricche di “sorbitolo” che viene usato come dolcificante in vari prodotti di pasticceria e nelle gomme da masticare senza zucchero.

Con le sorbe si possono preparare ottime marmellate e una volta venivano usate anche per chiarificare e migliorare il sapore del mosto.

Nell’antichità  venivano fatte fermentare insieme al grano per ottenere una bevanda simile al sidro, che i Romani chiamavano “Cerevisia”.

Nella medicina popolare, erano comunemente usate per la dissenteria e per le coliche addominali.

Il legno del sorbo, come tutte le rosacee, è molto pregiato e ricercato per la produzione e le finiture di strumenti musicali.

 

Una delle ipotesi sull’etimologia della parola “Sorbum”, la farebbe derivare dalla radice celtica “Sor” che significa “acido”, riferita ai suoi allappanti frutti.

  cdg b sorbo comune 002
  cdg b sorbo comune 003
   
   
   
   

Sorbo comune -- Sorbus domestica