• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg r alisso montano 001   Nome scientifico: TIMUS STRIATUS (SUB. OPHIOLITICUS)
  Nome comune: TIMO DEL SERPENTINO
  Famiglia: Lamiaceae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Habitat: Si trova esclusivamente negli ambienti con rocce serpentinose, allo stato spontaneo prevalentemente in Toscana e in Emilia Romagna.


Descrizione

Piccolo arbusto di tipo cespuglioso, alto fino a 15 cm, che tende ad aggrapparsi al terreno e alle rocce con le sue sottili radici verticali.

Ha fusti con base legnosa, prostrati e striscianti sul terreno, con superficie pubescente sfumata di rossastro.

Le foglie sono piccolissime, opposte,  di forma ovale-ellittica, di color verde cupo, molto sottili, lunghe 10-15mm, con superficie punteggiata di ghiandole.

Anche i fiori sono piccolissimi, riuniti in infiorescenze di forma ovale. Hanno il calice tubolare campanulato che termina in due labbra e  corolla bilabiata con labbro superiore intero e l'inferiore diviso in 3 lobi ovali di color rosa -violetto. 

I frutti sono formati da 4 acheni ovoidi scuri posti in fondo al calice persistente.

La  pianta ha proprietà antisettiche e può essere utile per le vie respiratorie e per aiutare la digestione difficile.

Il suo nome proviene dalla parola greca "Thymòs" che vuol dire "respiro", ma i Greci, erano soliti chiamare questa specie "Thymia" = profumo, proprio in relazione alla fragranza dei piccoli fiori.

Osservata nelle garighe di "Botticella" e "Poggio Donato" (Riserva di Monterufoli) e nelle ofioliti del Poggio di Spartacciano e di Croce al Masso-Poggio della Marruca.

In Toscana è una specie protetta a rischio estinsione

                    



  cdg-r-timo-del-serpentino 002
   
   
   
   
   

Timo del serpentino -- Tymus striatus sub ophioliticus