• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-topinambur   Nome scientifico: HELIANTUS TUBEROSUS
  Nome comune: TOPINAMBUR
  Famiglia: Asteraceae
  Fioritura: Settembre-Novembre
  Habitat: Si trova in ambienti umidi, terreni calcarei e silicei, fino a 800 metri. Rara in Sardegna.


Descrizione

cdg-f-topinambur dis

Pianta erbacea perenne originaria del Nord-America, dove viene chiamata "Patata del Canada" o "Carciofo di Gerusalemme". In seguito coltivata in Europa come alimento, poi inselvatichita.

E' stata descritta per la prima volta in Italia, dal botanico Fabio Colonna agli inizi del 1600 come "Girasole Articocco".

E' provvista di un grosso tubero perenne color rosso-violaceo, circondato da numerose radici ramificate, da cui ogni anno crescono le nuove piante.

Ha fusti eretti, robusti, ruvidi e ramosi in alto, che possono raggiungere anche i 3 metri di altezza.

Le foglie sono di color verde scuro, molto ruvide, lunghe fino a 15 cm, con nervature evidenti, di forma ovata con apice acuminato. Sono opposte nella parte bassa e alterne lungo il resto del fusto.

L'infiorescenza può raggiungere i 9 cm di diametro ed è composta da capolini di un bel colore giallo oro carico, portati da lunghi peduncoli.  I fiori esterni hanno lunghe lugule (10-20) con evidenti solcature, quelli interni che possono essere oltre 60, sono tubolosi di colore marronastro.

E' una specie commestibile officinale ricca di vitamine A,B,H, utili per combattere la stanchezza fisica e i dolori muscolari. I tuberi  hanno un sapore simile al carciofo, particolarmente adatti nelle diete dei celiaci e dei diabetici, perché non contengono glutine e hanno una forte presenza di "Inulina". Si possono gustare grattugiati in insalate, oppure cotti come le comuni patate, ma si prestano anche per la preparazione dei risotti.

 

Il nome della pianta deriva da due termini greci "Helios"(sole) e "Anthos" (fiore) che descrivono il colore dei suoi petali. Il nome specifico "Tuberosus", si riferisce invece al tubero ipogeo.

 

Recentemente la pianta suscita interesse per la produzione dei biogas.

                    



  cdg-f-topinambur 002
  cdg-f-topinambur 003
   
   
   
   

Topinambur -- Helianthus tuberosus