• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f trifoglio rosseggiante 001   Nome scientifico: TRIFOLIUM RUBENS
  Nome comune: TRIFOGLIO ROSSEGGIANTE
  Famiglia: Fabaceae
  Fioritura: Maggio-Luglio
  Habitat: Boschi radi e secchi, bordi di viottoli assolati, suoli asciutti e basici, da 200 a 1500m. Non è presente in sardegna,Sicilia,Camoania,Basilicata e Calabria.


Descrizione

cdg-f-trifoglio-rosseggiante dis

Pianta perenne erbacea rizomatosa, con fusti piuttosto eretti, non molto ramosi, alta fino a 50 cm.

Le foglie inferiori sono supportate da lunghi piccioli, quelle invece che si trovano lungo il tronco sono alterne. Sono tipicamente trifogliate-ternate, con fitte nervature e il bordo finemente dentato con segmenti fogliari lunghi fino a 3 cm. La parte superiore è priva di peluria e si presenta di color verde-ceruleo, mentre quella inferiore è vellutata con macchie di colore più chiare o marronastre.

Le infiorescenze nascono dall'ascella delle foglie e terminano con dei bellissimi capolini cilindrici, allungati fino a 6 cm, composti anche da 50 piccoli fiori.

Il calice di ognuno è coperto da denti pelosi di 4-8 mm, più lunghi dei boccioli stessi.

La corolla solitamente ha una colorazione rosso-porpora, ma può essere anche rosata o bianca.

I frutti sono piccoli legumissimi  sferici.

Il Trifoglio rosseggiante fa parte delle specie officinali con riconosciute proprietà antinfiammatorie e espettoranti che possono combattere le affezioni della gola e dei bronchi.

Il nome è dato alla pianta, da 2 parole latine: "Tri"=tre e "Folium"=foglia, con chiaro riferimento alle sue foglie ternate. L'aggettivo "Rubens" specifica invece il colore rosso dei suoi capolini.

Questa pianta viene anche coltivata e apprezzata nei giardini per la bellezza dei suoi vistosi fiori, ma allo stato spontaneo è diventata piuttosto rara, perché gli habitat da essa colonizzati sono stati distrutti dallo sfruttamento agricolo intensivo, per questo viene protetta da speciali leggi regionali.

                    



  cdg f trifoglio rosseggiante 002
  cdg f trifoglio rosseggiante 003
   
   
   
   

Trifoglio Rosseggiante -- Trifolium rubens