• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f vitalba 001   Nome scientifico: CLEMATIS VITALBA
  Nome comune: VITALBA
  Famiglia: Ranuncolaceae
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: predilige cespuglieti e boschi di caducifoglie, incolti, macchie e radure boschive fino a 1300 m. Presente in tutte le regioni d’Italia.


Descrizione

cdg-f-vitalba dis

Pianta perenne lianosa, rampicante, con portamento vigoroso.

I fusti sono legnosi, ramificati con corteccia fibrosa sfilacciata e si possono allungare fino oltre 15 metri. Viene considerata infestante dei boschi, poiché in associazione con rovi e edera, è in grado di formare grovigli instricabili, aggredendo e soffocando la vegetazione.

I rami erbacei giovani sono angolosi e sostengono le foglie portate da lunghi peduncoli ingrossati alla base.

Le foglie sono caduche, composte da 3/5 elementi di forma ovata-lanceolata. Hanno margine intero, talvolta dentellato o lobato, di color verde scuro.

I fiori sono raggruppati in pannocchie portate da lunghi gambi. Hanno 4/5 sepali petaloidi leggermente feltrosi su entrambe le facce. Sono di color bianco-verdognolo con numerosi e lunghi stami e hanno un profumo molto delicato che si sprigiona principalmente la sera.

Il frutto, che persiste sulla pianta fino all’autunno inoltrato, è formato da acheni marronastri, con lunghe appendici piumose e argentate.

Come tutte le Ranuncolacee, anche la Vitalba è velenosa per la presenza di principi tossici come alcaloidi, saponine e resine, che si accumulano nelle parti più vecchie della pianta, ma con prevalenza nelle foglie che possono provocare irritazioni e ulcerazioni della pelle, anche al solo contatto.

Nonostante questo, i giovani germogli vengono utilizzati in cucina e possono essere consumati lessi, saltati o come ingrediente per frittate dal sapore amarognolo.

In passato la Vitalba, oltre che curare la scabbia, trovava utilizzo in molteplici maniere. Con i suoi rami più giovani sapientemente intrecciati, venivano confezionati cestini e panieri e alcune grosse liane servivano invece, come corde per le campane delle piccole chiesette di campagna, in sostituzione delle funi di canapa molto più pregiate e costose.

La Vitalba, in alcune regioni veniva chiamata “erba dei cenciosi”, in quanto i mendicanti strofinandosi con le foglie della pianta, si procuravano volutamente vesciche e ulcerazioni sul dorso delle mani, allo scopo di impietosire i passanti.

Oggi la Vitalba viene utilizzata come “Rimedio di Bach” per combattere stati d’ansia e depressione. Il suo nome scientifico proviene dalla parola greca “Klemantos” che significa flessibile, riferito al portamento dei rami della pianta. Il termine “Vitalba-Vitis Alba” = Vite Bianca, è una parola latina e si riferisce probabilmente alla sua infiorescenza bianca e spumosa.

                    

cdg f vitalba 003

  cdg f vitalba 002
  cdg f vitalba 004
  cdg f vitalba 005
  cdg f vitalba 006
   

Vitalba -- Clematis vitalba