• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg b viburno 001   Nome scientifico: VIBURNUM TINUS
  Nome comune: VIBURNO
  Nome locale: Legnolano, Leccio Peloso
  Famiglia: Adoxaceae-Caprifoliaceae
  Fioritura: Ottobre-Giugno
  Frutti: Agosto-Ottobre
  Habitat: Si trova ai margini di boschi di latifoglie e nelle macchie associato con specie tipiche della macchia mediterranea come lentisco, mirto, corbezzolo, leccio ecc.


Descrizione

cdg-b-viburno dis

Il Viburno è una tipica pianta della macchia mediterranea che si presenta come un arbusto cespuglioso che può raggiungere i 3 mt di altezza. Ha fusto eretto e rami opposti, che si allargano fin dalla base. La corteccia è leggermente rugosa, verdastra con lenticelle grigie verticali.

Le  foglie sono coriacee, persistenti, di forma ovale-arrotondata, di colore verde scuro e lucenti nella parte superiore, mentre nella pagina inferiore si presentano più chiare e con evidenti nervature.

I fiori del Viburno sono piccole corolle bianche a 5 petali saldati alla base, rosa quando sono ancora boccioli. Sono riuniti in infiorescenze ombrelliformi molto decorative.

La fioritura può variare, in funzione del clima e si può ripetere sia in primavera che in tardo autunno.

Il frutto è una drupa ovoidale non commestibile, che giunta a maturazione assume un particolare blu metallico del tutto inconsueto.

Il Viburno viene usato anche nei giardini, come pianta decorativa e per formare siepi, per la sua abbondante fioritura, il denso fogliame sempreverde e il colore particolare dei frutti, anche se la pianta in decomposizione può originare in intenso odore sgradevole.

Il termine latino “Viburnum” sembra riferirsi al significato di “lentiggine” per l'aspetto della corteccia della pianta di grigio-bruna con evidenti lenticelle. “Tinus”, invece è la parola con cui i Latini indicavano le varie specie di lauro selvatico.

cdg b viburno 007

  cdg b viburno 002
  cdg b viburno 003
  cdg b viburno 004
  cdg b viburno 006
   

Viburno -- Viburnum tinus