• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-borracina-rupestre   Nome scientifico: SEDUM RUPESTRE
  Nome comune: BORRACINA RUPESTRE – ERBA PINOCCHIA
  Famiglia: Crassulaceae
  Fioritura: Maggio-Luglio
  Habitat: luoghi rocciosi e aridi, rupi, muri, ghiaie. Si trova su terreni sabbiosi e rocciosi, caldi e asciutti fino a 1200 m. Non è presente in Val d’Aosta, Lombardia, Friuli, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia.


Descrizione

cdg-f-borracina-rupestre dis

Pianta erbacea perenne succulenta, con numerose radici striscianti che producono fusti sterili che tendono ad allungarsi nel terreno e fusti fioriferi lunghi e eretti, alti fino a circa 30 cm.

Tutti i fusti sono glabri, prostrati e contorti alla base, spesso piuttosto legnosi, poi ascendenti.

Le foglie sono alterne, lesiniformi, acute, con corto sperone alla base. Di consistenza carnosa color grigio verdastro, leggermente arrossate; a sezione cilindrica, lunghe 1-2 cm, terminanti con una punta quasi spinosa. Sono costituite da tessuti vegetali in grado di trattenere acqua, tipico adattamento all’aridità dell’habitat.

I fiori, di forma stellata, sono portati  da un’infiorescenza all’apice degli steli, leggermente concava nella parte centrale con i rametti fioriti che tendono a incurvarsi verso l’esterno. Hanno sepali glabri, carnosi, triangolari lunghi 2/5 mm, più corti dei petali. La corolla ha 5 petali acuminati, lunghi 6/7 mm di colore giallo brillante con leggere strie sul dorso e con numerosi stami al centro.

I frutti sono follicoli eretti, allungati e affusolati.

Nel medioevo la piccola pianta era utilizzata nella medicina popolare per fermare le emorragie, per curare ulcere e per cicatrizzare le ferite. Apprezzata anche per il suo gusto rinfrescante, si  prestava anche per essere aggiunta come spezia, per insaporire le carni e le insalate.

Il suo nome potrebbe derivare dalla parola latina ‘Sedum=sedare, calmare’, riferito alle proprietà curative della pianta; o al verbo ‘sedeo=star seduto’ (già usato da Plinio), alludendo al portamento prostrato dei suoi fusti . L’epiteto ‘rupestre-da rupes=rupe’, descrive invece l’ambiente dove cresce questa pianta.

 

Fotografata sul Poggio della Marruca

                    



  cdg-f-borracina-rupestre 002
  cdg-f-borracina-rupestre 003
  cdg-f-borracina-rupestre 004

Borracine rupestre – Erba pinocchia -- Sedum rupestre