• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-erba-piattella   Nome scientifico: HYPOCHAERIS (HYPOCHOERIS) RADICATA
  Nome comune: COSTOLINA, PIATTELLA, COSTOLE D’ASINO, INGRASSAPORCI
  Famiglia: Asteraceae
  Fioritura: Aprile-Settembre
  Habitat: prati, argini, margini di coltivi, bordi di strade. Predilige suoli sabbiosi poco calcarei. Fino a 1200m.


Descrizione

cdg-f-erba-piattella dis

Pianta erbacea perenne con robuste radici carnose, talvolta ramificate che contengono un lattice biancastro e da cui ogni anno si sviluppano nuove piantine.

Le foglie si raccolgono tutte in una rosetta basale e tendono a stare aderenti al terreno. Sono piuttosto consistenti e tendenzialmente irte di peluria; di color verde brillante con bordi variamente dentati- lobati- sinuati, o con incisioni marcate di forma triangolare.

I fiori sono portati su steli eretti, alti fino a 50-60 cm, racchiusi in un involucro cilindrico ricoperto di squame glabre embricate. Ogni capolino è composto solo da ligule di color giallo acceso, sfumate di rossastro nella parte più esterna.

Il frutto è un achenio scuro con becco che termina in un pappo piumoso.

Le giovani foglie ancora tenere che formano la rosetta, sono apprezzate nelle insalate crude per il caratteristico sapore delicato non amaro, diverso dalle altre piante selvatiche. Ottime anche cotte da sole o miste con altre specie, in zuppe, frittate, torte salate o semplicemente lessate. Anche le radici sono commestibili e si possono utilizzare tostate per un’ottima bevanda che può sostituire il caffè.

La pianta è apprezzata anche nei rimedi popolari come decotto depurativo e soprattutto da bere a digiuno come antidiabetico.

Il suo nome scientifico ha origine da due parole greche: ‘hypo=sotto e koiros=porco’, alludendo al fatto che i maiali sono golosi delle sue radici. ‘Radicata’ invece deriva dal latino per descrivere la robusta radice della pianta. Il nome volgare di ‘Piattella’ si riferisce alla foglie che non crescono in altezza, ma tendono a rimanere appiattite e ben aderenti al terreno.

                    



  cdg-f-erba-piattella 002
  cdg-f-erba-piattella 003
  cdg-f-erba-piattella 004
   
   
   

Hypochaeris (Hypochoeris) radicata -- Costolina, Piattella, Costole d’asino, Ingrassaporci