• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-cardamine   Nome scientifico: CARDAMINE IRSUTA
  Nome comune: CARDAMINE (BILLERI PRIMATICCIO)
  Famiglia: Brassicaceae
  Fioritura: Febbraio- Aprile
  Habitat: margini di siepi, giardini, orti, prati, luoghi freschi e umidi, ricchi di composti azotati. Comunissima in tutta la Penisola. Da 0 a 1500m.


Descrizione

Piccola pianta erbacea annuale con sottile radice fittonante, fusto eretto lungo  fino a una ventina di cm, di color verde brillante, spesso peloso e violaceo alla base.

Le foglie basali formano una rosetta che persiste anche durante la fioritura e le fasi di fruttificazione. Sono composte da 5-10 paia di segmenti sinuosi obovati, di cui la fogliolina apicale è più grande. Le foglie lungo il fusto sono più piccole composte da 2 – elementi.

I fiori si raggruppano in racemi terminali che si allungano durante la fioritura, composti da una decina di elementi. I sepali leggermente pubescenti lunghi 1-2mm, la corolla ha 4 petali bianchi di 2-3 mm, con stami e antere gialle.

Il frutto è una piccola siliqua eretta, larga appena 1mm e lunga 4-5cm, che giunta a maturazione si apre a scatto lanciando a distanza i numerosi piccolissimi semi brunastri, appiattiti, quasi rettangolari, tanto da diventare facilmente invasiva nei nostri orti e giardini.

La pianta è ricca di vitamina A e C, calcio, fosforo, magnesio; da sempre utilizzata nella medicina popolare per i suoi effetti vitaminizzanti, diuretici, antianemici, antireumatici, ricostituenti. Il succo ottenuto pestando le foglie fresche, applicato sul cuoio capelluto può rallentare la perdita dei capelli.

Le foglie delle  piante giovani hanno un sapore aspro e piccante che ricorda quello del crescione e possono essere aggiunte a insalate e contorni.

L’etimologia del suo nome potrebbe derivare da 2 parole greche: ‘kardia=cuore e amyno=io aiuto’ riferito alle proprietà medicinali della pianta. Oppure potrebbe provenire da ‘kardamon’, nome del nasturzio officinale, per la rassomiglianza. Il nome specifico ‘hirsuta’ allude alla peluria che ricopre i suoi fusti.

  cdg-f-cardamine 002
  cdg-f-cardamine 003
  cdg-f-cardamine 004
  cdg-f-cardamine 005

Cardamine irsuta -- Cardamine