• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-carlina-corymbosa   Nome scientifico: CARLINA CORYMBOSA
  Nome comune: CARLINA RAGGIO D'ORO
  Famiglia: Asteraceae
  Fioritura: Luglio-Settembre
  Habitat: presente su terreni aridi e incolti, prati e campi sassosi, fino a 1200 m. Comune soprattutto nell'Italia del centro e del sud.


Descrizione

Pianta erbacea perenne o biennale di aspetto cespitoso, con grosso rizoma ramoso e lignificato, contornato di radici secondarie, dal quale si ergono diversi fusti tenaci, alti fino a 90 cm, ramificati nella parte superiore.

Le foglie sono molto coriacee, di forma oblunga-lanceolata a ovata-dentata, con segmenti corti e larghi e margini provvisti di spine pungenti, di cui quella apicale, che è il proseguimento della nervatura centrale, può raggiungere anche 2 cm. Le foglie si possono distinguere in 3 diversi tipi: le basali, con forma più lanceolata, che inizialmente formano una rosetta che scompare durante la fase di fioritura. Le mediane che appaiono più larghe che lunghe, molto ondulate, che tendono ad abbracciare il fusto, con lamina profondamente segmentata, munite di spine apicali e laterali. Infine le foglie superiori che appaiono molto arcuate e contornano l'infiorescenza come brattee giallastre pungenti.

L'infiorescenza è formata da capolini dal diametro di 3/4cm, che si trovano solitari all'apice dei rami, protetti da un involucro di brattee raggianti di forma acuta, color giallo dorato scuro. Anche la corolla è gialla, composta da numerosi fiori tubulosi.

I frutti sono acheni oblunghi (2/5mm) di color giallo-ruggine, provvisti di pappo piumoso.

 

Prima della fioritura i gambi ancora verdi della Carlina corimbosa, sono eduli, di ottimo sapore che ricorda quello del carciofo, anche se presentano difficoltà nella pulitura a causa delle evidenti spinosità delle foglie.

 

In tempi remoti venivano usate le radici della pianta per alleviare il mal di denti, alcune malattie della pelle e come controveleno.

 

Il suo nome deriva da 'cardunculus' col significato di 'piccolo cardo', mentre l'appellativo specifico prende il nome dal tipo della sua infiorescenza.

Una antica leggenda però narra che durante una pestilenza, Carlo Magno, si sarebbe rivolto in preghiera a Dio perché lo aiutasse a salvare i suoi soldati contagiati. Nei giorni successivi un angelo gli sarebbe apparso in sogno ordinando all'imperatore di scagliare una freccia verso il cielo che, una volta tornata giù, avrebbe colpito una pianta miracolosamente utile per la guarigione dei soldati. La freccia andò a conficcarsi in una specie fiorita che da allora, porta ancora il nome di 'Carlina' in onore a Carlo Magno.

  cdg-f-carlina-corymbosa 002
  cdg-f-carlina-corymbosa 003
  cdg-f-carlina-corymbosa 004
  cdg-f-carlina-corymbosa 005

Carlina corymbosa -- Carlina raggio d'oro