• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-euforbia-spinosa   Nome scientifico: EUPHORBIA SPINOSA
  Nome comune: EUFORBIA SPINOSA
  Famiglia: Euphorbiaceae
  Fioritura: Aprile - Giugno
  Habitat: Si trova su pendii sassosi, aridi, rupi calcaree, rocce serpentine, da 100 fino a 1500 m. Non è presente in Val d'Aosta, Triveneto, Sicilia..


Descrizione

cdg-f-euforbia-spinosa dis

L'Euforbia Spinosa, è una pianta suffruticosa ramosissima, composta da un intrico di rami, che le conferiscono l'aspetto di un cuscino emisferico piuttosto regolare.


Fa parte delle "Serpentinofite", piante che hanno la caratteristica di adattarsi su terreni sassosi, ostili, ricchi di minerali tossici, ma poveri di nutrimento e malgrado ciò, ben sopportano il surriscaldamento estivo tipico di questo tipo di roccia.


E' un arbusto perenne, alto circa 20 - 30 cm, molto cespuglioso, dall'aspetto spinoso, che in realtà è dato dai rami delle annate precedenti che seccandosi diventano molto rigidi.


Le sue piccole foglie sono lanceolate, di forma ovata-lanceolata, un pò grasse, ma rigide color verde glauco, ombreggiate di giallo, grandi appena 2-12 mm e sono sparse in piccoli ciuffi, sui germogli più giovani nella parte esterna della pianta.


Anche le infiorescenze sono giallognole, talvolta un pò rossastre, sorrette da "ombrelle" legnose terminali e seccandosi restano persistenti per alcuni anni, che fanno assumere alla pianta il caratteristico aspetto spinoso.


Il frutto è una piccola sfera verrucosa, di 3-4 mm, contenente dei semini marronastri.


Questa pianta è una specie tossica e come tutte le Euphorbiacee, emette un denso latice bianco, caustico, irritante che a contatto con la pelle e con gli occhi, può provocare bruciore e infiammazione. Un tempo questo latice, veniva utilizzato per eliminare porri e verruche.



Secondo Discoride e Plinio, il nome del genere "Euphorbia" proviene da Euphorbos, medico personale del re della Numidia (I°sec. a.C.), che avrebbe scoperto per primo le virtù curative di questa pianta.

  cdg f euforbia spinosa 002
  cdg f euforbia spinosa 003
  cdg f euforbia spinosa 004
  cdg f euforbia spinosa 005
   
   

Euforbia Spinosa -- Euphorbia Spinosa