• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f euforbia cipressina 001   Nome scientifico: EUPHORBIA CYPARISSIAS
  Nome comune: EUFORBIA CIPRESSINA
  Famiglia: Euphorbiaceae
  Fioritura: Da marzo a maggio
  Habitat: Bordi dei sentieri, prati,luoghi aridi e incolti, fino a 2000m. Non è presente in Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna.


Descrizione

cdg-f-euforbia-cipressina dis

Pianta perenne cespitosa rizomatosa alta fino a 50 cm, con fusti eretti , lignificati e privi di foglie alla base e ramificati verso la sommità.

Ha foglie alternate strette e lineari, larghe appena 2/3mm e lunghe 2cm. Sono di color verde-giallastro, di consistenza setosa, appressate a pennello nei rami sterili.

L'infiorescenza, a forma di coppa è detta "Ciazio" e si presenta inizialmente di color giallastro, poi rosso, con fiori raccolti in pseudo ombrelle ornate da numerose foglie. E' formato da 5 brattee verde chiaro saldate tra loro che proteggono il fiore interno.

Il frutto è una capsula rugosa e zigrinata divisa in tre alloggiamenti contenenti ciascuno un seme grigio.

Tutta la pianta è impregnata di un latice bianco e appiccicoso, che veniva usato popolarmente per togliere calli e verruche.

Come tutte le euforbiacee, l'Euforbia cipressina è una specie velenosa. Una leggenda racconta che la maga Circe, si servisse di questa pianta per preparare dei filtri magici.

Questa pianta è la fonte principale di nutrimento del bruco della 'Sfinge dell'Euforbia', riconoscibile per i suoi colori. Il bruco ha il corpo nero con macchie rosse e gialle, solcato sul dorso da una linea rossa e contraddistinto nella parte terminale dal corno, pure rosso, con  punta nera.

Il nome "Euphorbia" è dato dal medico greco Euphorbos, che usava il succo lattiginoso della pianta, nelle sue preparazioni medicinali. La parola "Cyparissias", invece è riferita al portamento della pianta che ricorda il cipresso.

                    



  cdg f euforbia cipressina 002
  cdg f euforbia cipressina 003
  cdg f euforbia cipressina 004

Euforbia Cipressina -- Euphorbia Cyparissias