• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f enula 001   Nome scientifico: PENTANEMA SALICINUM   (INULA SALICINA)
  Nome comune: ENULA ASPRA
  Famiglia: Asteraceae
  Fioritura: Giugno-Settembre
  Habitat: ambienti e terreni umidi, acquitrinosi, bordi boschivi e cespugliosi in prossimità di presenza di acqua. Predilige terreni basici, fino a 1300 m. Assente in Sicilia.


Descrizione

cdg-f-enula dis

Pianta erbacea perenne alta da 30 a 70cm con stelo eretto, rigido, foglioso, spigoloso e scanalato verso l’alto, che si spezza facilmente.

Alla base è piuttosto legnoso, con la parte ipogea del fusto che consiste in un breve rizoma a portamento obliquo-orizzontale.

Le foglie, di un bel verde brillante sono intere, lanceolate, piuttosto coriacee, finissimamente dentellate e setolose sul bordo. Di aspetto lucido e glabro, hanno la base cuoriforme e semiabbracciante il fusto, lunghe fino a 7 cm.

L’infiorescenza è formata da uno, o comunque pochi capolini di 3/3,5 cm di diametro di color giallo brillante, con lunghe ligule esterne nastriformi lunghe fino a 1 centimetro e mezzo. La parte interna del fiore si presenta tubolosa, formata da un gran numero di elementi color giallo scuro. Le squame che lo circondano, di consistenza erbacea, sono ripiegate verso l’esterno.

I frutti sono acheni lisci provvisti di pappo setoloso lungo 6-7mm.

Ai primi dell’ ’800, si cominciò a estrarre da questa pianta l’Inulina che veniva utilizzata per la cura del diabete.

Il nome del genere “Inula”, si pensa che possa derivare dalla parola greca “Enànein – Inànein” che vuol dire purificare, riferito alle proprietà purgative della pianta. Potrebbe anche avere derivazione dalla parola “helele=piccolo corbello” per ricordare la forma del fiore.

L’aggettivo “salicina - salicinum” deriva invece dal latino “saliv” che descrive la rassomiglianza delle foglie con quelle del Salice. In Toscana viene chiamata “Spragginella” per ricordare il suo sapore asprigno.

Recentemente catalogata Pentanema salicina. ''Pentanema', che in greco significa 'cinque dita', descrive il pappo formato da 5 squamette allungate come le dita di una piccola mano, presente in alcune specie.

                    



  cdg f enula 002
  cdg f enula 003
   
   
   
   

 Enula aspra -- Pentanema salicinum -- Inula salicina