• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-iris-dacqua   Nome scientifico: IRIS PSEUDACORUS
  Nome comune: IRIS D'ACQUA-GIAGGIOLO ACQUATICO
  Famiglia: Iridaceae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Habitat: Si trova prevalentemente al margine di stagni, laghetti, canali, spesso tra altre specie di piante acquatiche. Non è presente in Val d'Aosta.


Descrizione

cdg-f-iris-dacqua dis

L'Iris d'acqua è l'unica Iridacea con i fiori di colore giallo vivace. E' una pianta erbacea perenne munita di rizoma scuro di circa 1 cm di diametro, dal quale si diparte il fusto eretto, alto anche oltre 1 metro che può portare decine di fiori.

 

Le foglie robuste a forma di lama, sono di color verde brillante con evidenti nervature leggermente sporgenti e crescono all'interno l'una dell'altra dalla base della pianta.

 

I fiori sono formati da 3 grandi petali esterni pendenti verso il basso di color giallo vivo con striature marroni e da tre interni, molto più piccoli, eretti di forma allungata e rivolti verso l'alto. Sono raggruppati in infiorescenze di 3-5 elementi, portati su un peduncolo breve avvolto da una spata membranosa trasparente.

I frutti sono lunghe capsule marroni, a forma di baccello che giunte a maturazione, si ingrossano e si piegano dividendosi in 3 segmenti, che mostrano curiose file ordinate di semi color arancio, come piccoli chicchi di mais. Appena le capsule si sono aperte, i semi che cadono rimangono a galleggiare sull'acqua per essere trasportati più lontano.

 

Questa pianta è stata utilizzata dall'uomo fin da tempi remoti, nei più svariati impieghi. Già gli Egizi la coltivavano per estrarre un olio aromatico che veniva utilizzato durante i riti religiosi. Con le sue radici invece, veniva curato il mal di denti e la tosse ostinata. Con i semi tostati si ottenevano ottime bevande simili al caffè, dall' effetto digestivo. Da tutta la pianta infine, si ricavavano pigmenti colorati: gialli dal fiore e neri dal rizoma.

Questa pianta di origine euroasiatica, venne introdotta in Francia da Carlo Magno e in seguito si è naturalizzata in tutta l'Europa Meridionale.

 

Il suo nome "Iris" significa "arcobaleno", riferito alle numerose varietà di colori che si riscontrano nella specie a cui appartiene. La parola "Pseudacorus" vuol significare che questa pianta è rassomigliante all"Acorus Calamus", proveniente dall'Oriente e spesso confusa con l'Iris d'acqua.

Recentemente è stata studiata e accertata la sua capacità di riuscire ad assorbire e accumulare nelle proprie radici i metalli pesanti presenti nelle acque inquinate.

 

E' una specie protetta a livello regionale.

                    



  cdg-f-iris-dacqua 002
  cdg f iris dacqua 003
   
   
   
   

Iris d'acua -- Iris Pseudacorus