• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f nepitella 001   Nome scientifico: CLINIPODIUM NEPETEA
  Nome comune: NEPITELLA - NEPETELLA
  Famiglia: Labiate - Lamiaceae
  Fioritura: Maggio-Ottobre
  Habitat: Comune nei campi, prati, luoghi incolti, fino a 1500m. Predilige terreni calcarei dove forma ampie colonie.


Descrizione

cdg-f-nepitella dis

La Nepitella (o Nepetella), è una pianta erbacea perenne molto aromatica, comunissima in tutta la penisola. Ha un rizoma strisciante che produce numerosi stoloni.

Ha fusti eretti, legnosi alla base, molto ramificati, che possono raggiungere oltre 50 cm di altezza.

Le foglioline di 1-1,5 cm, sono ovali, arrotondate, talvolta cuoriformi, verde chiaro, opposte a due a due pelose, con superficie superiore sparsamente ghiandolosa, con pelosità più accentuata nell'inferiore. 

Le infiorescenze, riunite in verticilli, compaiono in gruppi di piccolissimi fiori di color rosa - porpora pallido. Il calice è tubolare, diviso in 5 dentini; anche la corolla è tubolare, lunga il doppio del calice, divisa in due labbra, di cui l'inferiore suddiviso nuovamente in tre lobi.

I frutti sono formati da quattro acheni rotondeggianti posti sul fondo del calice che rimane persistente.

Questa pianta, se strofinata, emana un profumo gradevolissimo. Contiene oli essenziali, tannino e mucillagine. Si usa per aromatizzare varie pietanze, come carni, lumache, pesci, carciofi, funghi ecc.

Anticamente si riteneva  che mescolando del vino alle foglie di Nepitella si potesse ottenere una bevanda dalle proprietà afrodisiache.      

Oggi è utilizzata in fitoterapia, come rimedio per le areofagie e le digestioni difficili, nonchè per l'asma e i disturbi bronchiali.

L'antica medicina, la credeva capace di guarire i morsi dei serpenti e di tenerli lontano dalle case, perciò veniva coltivata in grandi quantità intorno a ogni abitazione.

 

L'origine del nome "Nepetella" si farebbe derivare dall'antica Nepe o Nepete, città etrusca dell'odierna Tuscia Laziale. Per altri invece farebbe riferimento a "nepa"(scorpione per i Latini), che utilizzavano questa pianta per il morso di animali velenosi.

Il suo nome scientifico, proviene invece, dalle parole greche "Kline", che significa letto e "Pòdion" che vuol dire piedi, forse perché in antichità venivano tenuti dei rametti intrecciati di questa pianta, ai piedi dei letti con lo scopo di allontanare gli spiriti malefici e gli insetti.

                    



  cdg-f-nepitella 002
  cdg-f-nepitella 003
  cdg-f-nepitella 004
  cdg-f-nepitella 005
   
   

Nepitella -- Clinipodium nepetea