• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f orc platantera verdastra 001   Nome scientifico: PLATANTHERA CLORANTHA
  Nome comune: PLATANTERA VERDASTRA
  Famiglia: Orchidaceae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Habitat: predilige boschi, arbusteti, cespuglieti e prati, suoli freschi con substrato calcareo o siliceo. Fino a 1500 m. Non è presente in Sardegna.


Descrizione

cdg-f-orc-platantera-verdastra dis

Piccola pianta perenne dal portamento esile alta 20/30cm, ritenuta rara anche se diffusa in maniera sporadica su tutto il territorio italiano.

Il suo apparato radicale consiste in 2 bulbi ovoidali fascicolati carnosi, larghi fino a 1 cm e mezzo, contornati da radichette secondarie.

Lo stelo appare robusto, eretto e presenta una guaina scura che ne avvolge la base.

Le 3 o 4 foglie basali, lunghe fino a 20 cm hanno forma ovata allungata, arrotondata all’apice; di color verde lucido con evidenti nervature. Lungo il gambo si assottigliano fino a 3 cm, riducendosi a brattee fogliacee.

L’infiorescenza è una spiga lassa allungata, che può portare fino a 30 fiori piuttosto spaziati l’uno dall’altro. Appaiono ruotati sottosopra, con labello nastriforme pendente rivolto verso il basso, con base biancastra, più verde alla sommità.

I tepali con i sepali laterali e con il mediano, formano un piccolo cappuccio ovale, con varie nervature verdastre che lo solcano longitudinalmente. Sul retro si prolunga uno sperone di oltre 5mm.

Soprattutto di notte i fiori, emanano un leggere e delicato profumo, simile a quello dei mughetti che attira le farfalle notturne. Queste introducendo la loro proboscide nel lungo e stretto sperone per raggiungere il nettare, garantiscono l’impollinazione.

Il frutto è una capsula globosa solcata esternamente da evidenti coste. All’interno sono contenuti numerosi semini appiattiti piccolissimi.

La parola ‘Platanthera’ (platys-anteros), di origine greca significa ‘antere piatte’ riferito alla forma del fiore; mentre l’epiteto ‘clorantha’ proviene da ‘chloros=verde’ e ‘anthos=fiore, per descrivere il colore predominante del fiore.

 

E’ una specie protetta, non comune, osservata nei pressi del torrente Radicagnoli

                    



  cdg f orc platantera verdastra 002
  cdg f orc platantera verdastra 003
  cdg f orc platantera verdastra 004
  cdg f orc platantera verdastra 005
   
   

Platanthera clorantha -- Platantera verdastra