• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-orchidea-barbone-adriatico   Nome scientifico: HIMANTOGLOSSUM ADRIATICUM
  Nome comune: ORCHIDEA BARBONE ADRIATICO
  Famiglia: Orchidaceae
  Fioritura: Maggio-Giugno
  Habitat: prati, pascoli, margini di boschi, zone pietrose, spazi preferibilmente soleggiati, suoli calcarei. Finoa 800m. Non è presente in Val d’Aosta, Puglia, Sicilia, Sardegna. Fino a 1800 m, con massima diffusione nelle zone centrali.


Descrizione

 

Pianta piuttosto robusta che può raggiungere anche un metro di altezza. Ha 2 grossi tuberi ovoidali, carnosi, con radici secondarie disposte sulla parte superiore dei bulbi.

 

Il fusto è eretto, robusto e spesso nella parte apicale spesso è leggermente arrossato.

 

Le foglie della rosetta basale hanno forma ellittica, lanceolate, di color verde chiaro; avvizziscono precocemente. Lunghe circa 10-15 cm, le superiori sono più piccole abbraccianti il fusto.

 

L’infiorescenza è una spiga lunga e piuttosto rada, composta da 15-40 fiori inodori, posti all’ascella di piccole brattee lanceolate. I sepali e i petali sono verde chiaro striati internamente di rosso porpora, hanno forma ovale e formano un piccolo casco. I petali restano nascosti nel casco. La parte più appariscente è il labello, diviso in tre lobi, di cui il centrale nastriforme, contorto a spirale, può raggiungere i 6 cm; termina con due punte. I due lobi laterali sono invece increspati, con bordi color porpora brillante e zona centrale bianca, leggermente pelosa, con macchioline purpuree. Sul retro è presente un breve sperone, lungo pochi mm.

 

Il frutto è una capsula sorretta da un peduncolo contenente minutissimi semi appiattiti.

 

Il suo curioso nome proviene da due parole greche ‘Imas e Glossa’= cinghia e lingua, dovuta alla particolare forma del lungo labello. L’epiteto specifico si riferisce al suo areale iniziale di distribuzione, che si trovava sui due lati del Mare Adriatico.

 

La pianta, di particolare valore fitogeografico, è segnalata tra le specie minacciate di estinzione.

  cdg-f-orchidea-barbone-adriatico 002
  cdg-f-orchidea-barbone-adriatico 003
  cdg-f-orchidea-barbone-adriatico 004
  cdg-f-orchidea-barbone-adriatico 005
  cdg-f-orchidea-barbone-adriatico 006

Himantoglossum adriaticum -- Orchidea Barbone adriatico