• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-barlia   Nome scientifico: HIMANTOGLOSSUM ROBERTIANUM
  Nome comune: ORCHIDEA BARLIA ROBERTIANA
  Famiglia: Orchidaceae
  Fioritura: Febbraio-Aprile
  Habitat: prati, garighe, incolti, sottoboschi, margini di strade. Da 0 a 900 m. Assente in Val d’Aosta, Trentino, Friuli, Lazio, Umbria, Marche.


Descrizione

cdg-f-barlia dis

La Barlia robertiana è un’orchidea che si caratterizza per la sua fioritura precoce, che in annate particolarmente favorevoli dal punto di vista climatico, può iniziare la fioritura fin dall’inizio del mese di dicembre, soprattutto nel meridione d’Italia, in Calabria e in Sicilia.

La sua espansione nella nostra Penisola si registra solo da qualche anno, con stazioni localizzate e piuttosto sporadiche.

E’ una pianta perenne piuttosto robusta, alta da 30 a 80 cm, con apparato radicale formato da due rizotuberi ovoidali circondati da piccole radici secondarie.

Il fusto, nella parte inferiore è di colore verde, tendente al violaceo verso la sommità.

Le foglie, in numero da 5 a 10, sono di consistenza carnosa, color verde chiaro brillante, larghe 5-10 cm e lunghe fino a 30. Quelle della rosetta hanno forma ovale lanceolata, più piccole e avvolgenti le superiori.

L’infiorescenza, che può portare da 20 a 60 fiori, all’inizio è piuttosto densa, di forma conica, per diventare più allungata e cilindrica in piena fioritura. Le brattee fogliacee sono lanceolate, verdi sfumate di violaceo e superano la lunghezza dei fiori. Questi grandi e profumati, hanno tepali a forma ovata raccolti a casco; i petali di color verde chiaro sono più corti dei sepali. Il labello è trilobato, pendente, lungo oltre 1 cm, con lobi laterali allungati, falciformi e bordi esterni ondulati, più corti del lobo mediamo che a sua volta è suddiviso in 2 lobuli divergenti. Il colore è variabile, dal biancastro nelle parti centrali, al porpora violaceo, verso la parte esterna, con macchie e strie porporine e verdi. Lo sperone è corto, rivolto verso il basso.

Anticamente la pianta, consacrata al culto di Demetra sorella di Zeus, era considerata magica e si riteneva che potesse favorire gli amori non corrisposti. Il nome del genere è dedicato francese G.B.Barlia (1817-1896) e pure il suo nome specifico ricorda un altro botanico francese G.N. Robert (1776-1857). La parola ‘Himantoglossum’ dal greco ‘himanthos=lingua’ si riferisce alla forma del labello.

 

Specie protetta

                    



  cdg-f-barlia 002
  cdg-f-barlia 003
  cdg-f-barlia 004
  cdg-f-barlia 005

Orchidea Barlia robertiana -- Himantoglossum robertianum