• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f orc scura 001   Nome scientifico: OPHRIS FUSCA
  Nome comune: ORCHIDEA SCURA
  Famiglia: Orchidaceae
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: garighe, incolti, cespuglieti. Terreni sassosi e suoli calcarei, principalmente in zone collinari fino a 600-800 m. Non è presente in Val d’Aosta e Triveneto.


Descrizione

cdg-f-orc-scura dis

Pianta perenne bulbosa che può raggiungere un’altezza fino a 30 cm.

La parte ipogea della pianta è formata da piccole radici fascicolate che sovrastano i due 2 caratteristici tuberi di forma ovoidale, che in primavera produrranno foglie e fusti.

Le foglie sono di forma ovale, lanceolata piuttosto larghe e corte, che formano una rosetta basale di 2-3 elementi. Lungo il fusto le poche foglie presenti sono abbraccianti e più piccole. Hanno un colore verde pallido, con nervature evidenti.

L’infiorescenza comprende da due a otto fiori di dimensione variabile, con tepali esterni di colore verde pallido e apice arrotondato. I laterali asimmetrici, con l’interno sfumato di rossastro, mentre il mediano è ripiegato come un caschetto.

Il labello che si distingue per la sua vistosità è lungo circa 10mm, convesso, trilobo, un po’ pendente. Al centro è vellutato di color marronastro, con un disegno centrale diviso in due parti grigio bluastro. Ai bordi il colore è giallastro, senza pelosità.

Il frutto è una capsula che si divide a maturazione completa, per lasciar cadere i numerosi semini piatti.

Il suo nome scientifico deriva da una parola greca che significa ‘sopracciglio’, dato che anticamente venivano usate queste orchidee per ricavare una tintura per tingere sopracciglia e capelli. (Riferito dal naturalista latino Plinio il Vecchio). ‘ Fuscus’ invece significa fosco, scuro, indicando il colore cupo del suo labello.

Dato che gli esemplari di questa specie, sono in continua diminuzione, è considerata un’orchidea a rischio estinzione e protetta da speciali leggi regionali.

Fotografata nella Riserva di Montenero presso Volterra e dall’amica Paola Vitali nelle vicinanze di Sasso Pisano.

                    



  cdg f orc scura 002
  cdg f orc scura 003
   
   
   
   

 Orchidea scura -- Ophris fusca