• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f orc fior di ragno 001   Nome scientifico: OPHRYS SPHEGODES
  Nome comune: ORCHIDEA FIOR RAGNO - OFRIDE VERDE BRUNA
  Famiglia: Orchidaceae
  Fioritura: Marzo - Giugno
  Habitat: garighe, terreni aridi, radure boschive. Presente in tutta Italia da 0 a 1200 mt. Non presente in Val d'Aosta.


Descrizione

cdg-f-orc-fior-di-ragno dis

Le "Ofridi" sono piante bulbose costituite da 2 tuberi tondeggianti bulbosie piccole radici filamentose.

L'Orchidea verde-bruna è una pianta erbacea perenne con fusto eretto, cilindrico, alto fino a 50 cm, di aspetto esile, con  foglie basali riunite a rosetta, di color verde scuro con riflessi argentei. Quelle lungo il fusto si presentano abbraccianti e ripiegate a forma di doccia, progressivamente più piccole.

L'infiorescenza è una spiga piuttosto rada, che porta al massimo una decina di fiori ben spaziati, dai colori estremamente variabili.

Il fiore è formato da sepali lanceolati di colore giallo-verdastro e piccoli petali oblunghi-lanceolati, ondulati, dello stesso colore un po' più accentuato, con sottile bordatura rossastra. Il labello è intero, di forma rotondeggiante, convesso,  ricoperto di pelosità brunastra con macula centrale glabra color grigio laccato, con un disegno a forma di H, spesso con bordi più chiari. Queste  macchie lucide dette "specchio" con forma di H o di X,  rassomigliano al dorso di alcuni insetti, in maniera che questi vengano attratti, per favorire l'impollinazione dell'ofride stessa.

Questo genere è presente nella flora italiana, in varie sub-specie, con caratteristiche molto similari.

Durante il periodo invernale le foglie di questa pianta si seccano, ma i tuberi resistono al freddo per germogliare nell'anno successivo, anche se sono molto ricercati dai cinghiali.

Il nome generico 'Oprys' deriva da un'antica parola greca che significa 'sopracciglio' riferito alla pelosità del labello, mentre 'sphegodes', derivante sempre dal greco, significa da 'sphex=vespa'.

                    



  cdg f orc fior di ragno 002
  cdg f orc fior di ragno 003
   
   
   
   

Orchidea 'Fior di ragno' -- Ophrys sphegodes