• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-papavero ibrido   Nome scientifico: PAPAVER HYBRIDUM
  Nome comune: PAPAVERO IBRIDO
  Famiglia: Papaveraceae
  Fioritura: Maggio-Giugno
  Habitat: suoli calcarei, sabbiosi, caldi al margine di campi di frumento e luoghi incolti. Da 0 a 1200 metri. Non è presente in Val d’Aosta.


Descrizione

Pianta erbacea annuale simile al Papavero comune, ma che raggiunge un’altezza decisamente inferiore  da 15 a 40 cm circa.

E’ considerata una pianta  ‘criptogenica’, in quanto specie alloctona di cui si ignora la provenienza e la causa della sua presenza.  Presumibilmente proveniente da zone desertiche del bacino mediterraneo dell’Asia Minore.

Il gambo è spesso ramificato, eretto o ascendente, ricoperto di peli radi  chiari e scuri, lunghi  fino a mezzo millimetro.

Le foglie basali formano una rosetta, sono munite di peduncolo, suddivise il segmenti lunghi lineari pubescenti di color verde scuro. Lungo lo stelo sono notevolmente più piccole con lacinie più acute.

Il fiore, reclinato prima dell’apertura, è solitario portato da lunghi peduncoli pubescenti, grande poco più di 2 cm. Anche il calice appare densamente peloso e racchiude i 4 petali arrotondati di un delicato color rosso-rosato con macchia nera alla base.  Sporgono stami e filamenti violacei e le antere blu chiaro.

Il frutto è una capsula ovale arrotondata, lunga poco più di un cm, striata con evidenti peli arcuati. L’apice è suddiviso in numerosi raggi (da 5 a 10), che aprendosi lasciano uscire  numerosissimi semini scuri reniformi, che vengono disseminati dal vento.

Prima della fioritura la rosetta di foglie è commestibile e può essere consumata cruda in insalate o cotta in misticanza di altre erbe spontanee per risotti, frittelle, sformati.

In passato si usano gli infusi dei suoi petali, dall’azione blandamente sedativa, per calmare la tosse e lenire le coliche.

Secondo la mitologia greca il papavero e il grano sono legati alle vicende di Demetra, protettrice delle messi e dell’agricoltura, che veniva sempre raffigurata con una ghirlanda in testa intrecciata con spighe e papaveri.

L’etimologia del suo nome deriva secondo alcune teorie dal celtico ‘papa’ per l’uso di mettere semi della pianta nella ‘pappa’ dei bambini per farli addormentare. Secondo altre ipotesi potrebbe derivare dal sanscrito e dall’arabo ‘papavera’ che significa succo nocivo. L’epiteto ‘hybridum sottolinea l’incrocio di specie diverse.

  cdg-f-papavero ibrido 002
  cdg-f-papavero ibrido 003
  cdg-f-papavero ibrido 004
  cdg-f-papavero ibrido 005
   
   

Papaver hybridum -- Papavero ibrido