• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-papavero-cornuto   Nome scientifico: GLAUCIUM FLAVUM
  Nome comune: PAPAVERO CORNUTO - PAPAVERO GIALLO - PAPAVERO DELLE SABBIE
  Famiglia: Papaveraceae
  Fioritura: Maggio -Settembre
  Habitat: luoghi aridi, sabbiosi, greti di torrenti. Preferisce zone costiere e litorali, con terreni ricchi di azoto, fino a 200m.


Descrizione

Graziosa pianta avventizia, presente soprattutto nelle dune dei litorali, tanto che nella mitologia era dedicata a Glauco, figlio di Nettuno e della ninfa Scilla, che amavano vivere negli arenili sabbiosi. Anticamente in Toscana veniva chiamata 'Cenerognola' per il colore delle sue foglie.

 

E' una pianta erbacea perenne o biennale, a portamento cespuglioso che può raggiungere un'altezza da 30 a 60 cm.

Ha fusti eretti, ascendenti, piuttosto ramificati, ricoperti da leggera peluria, che se spezzati secernono un denso latice giallastro, tossico.

Le foglie, dal caratteristico colore grigio verdastro, sono composte da 4-6 segmenti, con margini lobati o dentati. Le basali sorrette da peduncoli, sono lunghe 15-30 centimetri, mentre quelle che si trovano lungo tutta la pianta, sono progressivamente più piccole e tendono ad abbracciare i fusti. Esternamente sono ricoperte da leggera peluria.

 

L'infiorescenza consiste in un bel fiore terminale, solitario, largo 5-7 cm, di colore giallo intenso dorato. Il calice è formato da 2 sepali precocemente caduchi; la corolla da 4 petali obovati, lunghi circa 3 cm ciascuno; all'interno sono visibili numerosi stami gialli.

Il frutto è una capsula cilindrica lunga generalmente fino 15-20 cm, che tende a incurvarsi assumendo il singolare aspetto di piccolo corno, da cui la pianta ha preso il suo nome.

 

Il Glaucium flavum è una specie officinale tossica, che veniva utilizzata nella medicina popolare di una volta. Le foglie erano ritenute un buon rimedio antinfiammatorio e sedativo della tosse, anche se la presenza di 'glaucina', contenuta nella pianta, poteva provocare tachicardia e allucinazioni.

 

Il suo nome scientifico è dovuto al particolare colore delle foglie, in latino detto 'glaucium', parola derivante a sua volta dal greco 'glauko', che descrive il colore blu-verde. L'epiteto specifico, si riferisce invece al colore del fiore, proveniente dalla parola latina 'flavus' che significa 'giallo'.

 

Fotografato vicino alle rive del Cornia

  cdg-f-papavero-cornuto 002
  cdg-f-papavero-cornuto 003
  cdg-f-papavero-cornuto 004
  cdg-f-papavero-cornuto 005
  cdg-f-papavero-cornuto 006
  cdg-f-papavero-cornuto 007

Papavero cornuto - Papavero Giallo - Papavero delle sabbie -- Glaucium flavum