• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-scarlina   Nome scientifico: GALACTITES TOMENTOSUS
  Nome comune: SCARLINA
  Famiglia: Asteraceae- Compositae
  Fioritura: Aprile-Luglio
  Habitat: incolti, margini di strade, pascoli, terreni asciutti e esposti al sole. Presente fino a 1300 m, a partire da Liguria e Emilia Romagna.


Descrizione

cdg-f-scarlina dis

Pianta perenne piuttosto robusta con fusto eretto e ramoso nella arte superiore  color verde biancastro, ricoperto di lanugine, con alette percorse da spine e può raggiungere anche 1 metro di altezza.

Le foglie, lunghe fino a 20 cm, divise in segmenti, hanno una caratteristica variegatura biancastra in corrispondenza delle nervature. Sono munite di robuste spine (oltre 5 mm) disposte sui margini.

L’infiorescenza riunisce alcuni capolini  che si compongono solamente di fiori tubolosi. Hanno involucro campanulato con brattee triangolari e una spina all’apice.  Il loro vistoso colore è rosa-porpora, con i petali saldati in piccoli tubi. I fiori periferici (circa 2-3cm)sono più lunghi e raggianti.

Il frutto è un achenio con pappo di morbide setole biancastre piumose, molto ricercato dai cardellini.

La pianta ha proprietà astringenti, stimolanti, diuretiche e toniche.

Anticamente venivano consumate crude le giovani infiorescenze, ma la parte più gustosa, chiaramente privata dalle spine, è l’interno del fusto, che può essere mangiato crudo, lessato, gratinato o conservato sottolio e sottaceto.

 

Il suo nome proviene dalla parola greca “Gala-Galaktos”=latte, riferito alla peluria biancastra delle foglie che sembrano spruzzate di latte. Anche il nome specifico Tomentosus è riferito alla fitta e cotonosa peluria che ricopre la pianta.

                    



  cdg-f-scarlina 002
  cdg-f-scarlina 003
  cdg-f-scarlina 004
  cdg-f-scarlina 005
   
   

Scarlina -- Galactites tomentosus