• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f succiamele delle fave 001   Nome scientifico: OROBANCHE CRENATA
  Nome comune: OROBANCHE - SUCCIAMELE DELLE FAVE
  Famiglia: Orobancaceae
  Fioritura: Aprile-Luglio
  Habitat: incolti e culture con presenza di Fabacee. Terreni piuttosto umidi, con buoni valori nutrizionali. Fino a 1400m. Non è presente in Piemonte, Val d’Aosta, Trentino, Liguria.


Descrizione

cdg-f-succiamele-delle-fave dis

Pianta perenne priva di clorofilla, considerata parassita, poiché provvede al suo nutrimento prelevando la linfa che trova nelle radici delle fabacee, tramite propri organi radicali specifici. Può raggiungere un’altezza che talvolta sfiora i 50 cm.

Le sue radici, provviste di organi succhianti chiamati “Austori”, sono fascicolate e si diramano da un rizoma centrale. Il fusto è eretto, angoloso, ricoperto di peluria e termina con lo scapo fiorifero.

Le foglie sono ridotte a piccole squame di forma lanceolata, lunghe pochi centimetri, di colore marronastro.

L’infiorescenza è a forma di spiga piuttosto densa, tronca all’apice, che porta fiori ermafroditi, bilabiati. Ogni fiore è avvolto da una brattea lanceolata, con piccole lacinie sui lati. La corolla consiste in un tubo cilindrico di 15-30mm di colore bianco venato di violaceo, con labbra dai bordi irregolari che emanano un delicato profumo di garofano.

Il frutto è una capsula lucida ovoidale contenente semini neri microscopici.

La specie è commestibile e i suoi fusti sono ritenuti una prelibatezza della cucina tipica barese e lucana. I produttori di fave di queste regioni, commercializzano questa specialità gastronomica pregiata e molto costosa col nome di “Sporchia”. Per la presenza di Aucubina, la pianta è ritenuta debolmente tossica e viene raccolta e bollita prima della fioritura.

La curiosa parola “Orobanche” deriva da due termini greci: Orobos=Legume e Anchein=Strozzare, in riferimento al carattere parassitario di questa specie. L’aggettivo “Crenata” si riferisce invece ai bordi della sua corolla.

                    



  cdg f succiamele delle fave 002
  cdg f succiamele delle fave 003
   
   
   
   

Succiamele delle fave -- Orobanche crenata