• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-scilla-d-autunno   Nome scientifico: SCILLA AUTUMNALIS
  Nome comune: SCILLA D’AUTUNNO – PROSPERO AUTUNNALE
  Famiglia: Asparagaceae-Liliaceae
  Fioritura: Agosto-Ottobre
  Habitat: prati aridi e sassosi, garighe su rocce serpentine, bordi di sentieri. Cresce fino a 1300 m. Rara al Nord Italia.


Descrizione

cdg-f-scilla-d-autunno dis

Piccola e esile piantina erbacea alta da 10 a 30 cm, E' munita di un bulbo tossico piriforme, fasciato da tuniche marronastre con piccoli ciuffetti di radici.

Le foglie sono tutte basali, alcune prive di clorofilla, le altre (generalmente 2), sono sub cilindriche, scanalate, larghe appena un paio di millimetri e lunghe poco meno di 10 cm.Compaiono dopo la fioritura.

L’infiorescenza è sostenuta da un gambo filiforme marronastro che porta da 6 a 20 fiori riuniti in una piccola spiga che all’inizio ha forma piramidale e tende ad allungarsi durante la fioritura. E’ formata da minuscole corolle con 6 tepali a stella leggermente saldati, color rosa-violaceo, con stami e antere porpora scuro.

I frutti sono capsule a forma ovoidale suddivise in tre sezioni, contenenti semini neri.

Anticamente questa piantina veniva usata per curare il morso dei serpenti e si riteneva efficace contro il malocchio. I bulbi, benché tossici contengono sostanze antinfiammatorie e cardiotoniche, usati nella medicina popolare contro le irritazioni cutanee e il riassorbimento di edemi.

Plinio scriveva che la Scilla predisponeva l’animo al giusto equilibrio spirituale e racconta che si usasse lanciare i bulbi della piantina, per scherno, a quei cacciatori che ritornavano senza prede.

 

Il suo nome scientifico deriva dalla parola graca “Skilla”, che indica una specie di cipolla, mentre la parola latina “Pròsperum”(pro-spes) significa prosperare, nel senso di crescere con rapidità. L’aggettivo “Autumnalis” fa riferimento al periodo di fioritura della pianta.

                    



  cdg-f-scilla-d-autunno 002
  cdg-f-scilla-d-autunno 003
  cdg-f-scilla-d-autunno 004
   
   
   

Scilla d’autunno – Prospero autunnale -- Scilla autumnalis