• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-spigarola-comune   Nome scientifico: MELAMPYRUM NEMOROSUM
  Nome comune: SPIGAROLA COMUNE
  Famiglia: Orobancaceae
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: cespuglietti e radure su terreni basici o moderatamente acidi. Endemica in diverse regioni d’Italia. Fino a 1200 metri.


Descrizione

cdg-f-spigarola-comune dis

Il gruppo dei Melampyrum nemorosum è considerato estremamente polimorfo, tuttora di non facile interpretazione.

E’ presente in Italia con tre specie affini, considerate sottospecie, che si differenziano principalmente per la tipologia dei peli (tricomi), presenti sul tubo calicino, osservabili solo al microscopio.

Pianta erbacea perenne o annuale, semiparassita, leggermente velenosa. Ha radici fittonanti e fusti eretti, ascendenti tetragoni, con la parte apicale screziata di violetto.

Le foglie, di color verde chiaro, sono opposte a forma lanceolata. Le inferiori e le mediane sono intere, mentre le superiori hanno uno-due denti alla base e i bordi leggermente revoluti.

L’infiorescenza è formata da una spiga conica, non troppo densa, dove i fiori si dispongono in maniera unilaterale. Sono presenti brattee lineari, leggermente dentellate, simili a foglie, di colore violaceo.

Il fiore è composto da un calice di 8-10mm con quattro denti triangolari, che sorregge la corolla bilabiata color giallo vivo, con fauci aperte lunghe circa 2 cm.

Il frutto è una capsula ovoidale che contiene semini neri.

Prima dell’uso dei diserbanti,  la pianta, se inavvertitamente macinata insieme al grano, era in grado di colorare di nero la farina, rendendola leggermente tossica.

Il suo nome specifico proviene da due parole greche: ‘mélos’=nero e ‘pyros’=grano, alludendo proprio al fatto di colorare di scuro le farine. ‘Nemorosum’ invece significa del bosco, per descrivere il suo habitat.

 

Osservata nella Riserva naturale del Cornocchio, presso Volterra.

  cdg-f-spigarola-comune 002
  cdg-f-spigarola-comune 003
  cdg-f-spigarola-comune 004
  cdg-f-spigarola-comune 005
   
   

Spigarola comune -- Melampyrum nemorosum