• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-zafferanastro-giallo   Nome scientifico: STERNBERGIA LUTEA
  Nome comune: ZAFFERANASTRO GIALLO
  Famiglia: Amaryllidaceae
  Fioritura: Settembre-Novembre
  Habitat: Prati e campi incolti, margine delle strade e dei boschi. Aree antropizzate, fino a 1200 metri. Non è presente in Val d'Aosta e Trentino A.A.


Descrizione

cdg-f-zafferanastro-giallo dis

Pianta erbacea perenne con radice bulbosa, da cui spuntano contemporaneamente in autunno, sia le foglie che i fiori.

I bulbi piriformi, rassomiglianti a quelli del narciso, si presentano ricoperti di scaglie e sono molto velenosi. Se ingeriti possono provocare avvelenamento da "Colchicina", un potente alcaloide.

Le foglie sono nastriformi, rigide, lineari, scanalate nella parte superiore, color verde scuro brillante, lunghe fino a 20 cm. Hanno una posizione eretta, che tende a inarcarsi durante la fioritura.

Il fiore solitario, di un bel colore giallo lucente, è portato da uno stelo alto fino a 25 cm. e avvolto in una spata cartilaginosa, trasparente. E' formato da 6 lacinie saldate alla base, di forma spatolata lunghe 4-6 cm. Le 6 appariscenti antere sono color arancio.

Il frutto è una capsula ovoidale allungata e carnosa contenente all'interno dei semini globosi con guscio nerastro.

Spesso la piccola pianta viene utilizzata per abbellire i giardini rocciosi e ciò ha favorito la sua distribuzione nei luoghi antropizzati.

Il nome scientifico "Stembergia" è dedicato al suo scopritore Caspar Von Stemberg, botanico boemo vissuto nel 1700. L'aggettivo latino "Luteus", invece significa giallo. La Stembergia Lutea, pur essendo una pianta velenosa, in molte regioni italiane è una specie protetta.

                    



  cdg-f-zafferanastro-giallo 002
  cdg-f-zafferanastro-giallo 003
   
   
   
   

Zafferanastro Giallo -- Sternbergia lutea