• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f ciclamino napoletano 001   Nome scientifico: CYCLAMEN HEDERIFOLIUM
  Nome comune: CICLAMINO NAPOLETANO
  Famiglia: Primulaceae
  Fioritura: Settembre-Novembre
  Habitat: predilige ambienti ombrosi e piuttosto umidi in boschi di caducifoglie, leccete e cespuglieti, fino a 1200 m. Non è presente in Val d’Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli.


Descrizione

cdg-f-ciclamino-napoletano dis

Piccola pianta mesofila, perenne, tuberosa munita di grosso bulbo globoso compresso ai poli, che può raggiungere i 6 centimetri di diametro. Questo ha una corteccia ruvida marronastra, con l’interno a polpa bianca e numerose radichette che lo ricoprono solo nella parte superiore.

Le foglie, piuttosto carnose, sono tutte basali e rassomigliano a quelle dell’Edera. Hanno forma ovato-cuoriforme, lunghe 4-7 cm e larghe fino a 5, con apice acuto e bordi dentellati irregolarmente. Sono portate da lunghi piccioli leggermente rossastri, con la parte superiore di color verde scuro macchiato di bianco, mentre sotto possono variare dal purpureo-rosato al verde chiaro. Spuntano tutte dopo la fioritura.

I fiori sono solitari, inodori, sorretti da steli dritti e lunghi anche oltre 10 cm, che si attorcigliano a spirale nella fase di fruttificazione. La corolla di forma a tubo, ha 5 lacinie rivolte verso l’alto, di color rosa malva pallido, lunghe un paio di cm, con fauce purpurea pentagonale e stilo sporgente.

Il frutto è una piccola capsula globosa, contenente semini sferici scuri.

Il Ciclamino è una specie altamente tossica per l’uomo, a causa delle saponine contenute nel suo tubero, anche se maiali e cinghiali se ne possono cibare senza alcun danno.

In passato era usanza nelle campagne, raccogliere i bulbi e inserirli nelle fessure dei muri a secco, per creare simpatiche fioriture autunnali.

Il suo nome scientifico proviene dalla parola greca “Kyklos”= Cerchio, Circolo, forse alludendo alla forma rotondeggiante del tubero o al curioso attorcigliamento a spirale che avviene dopo la fioritura. L’aggettivo “Hederifolius”, proveniente dal latino, descrive la forma delle foglie, simili a quelle dell’Edera. Con la parola “Napoletano” si intende invece l’area del sud dell’Italia, dove la specie è più numerosa.

                    



  cdg f ciclamino napoletano 002
  cdg f ciclamino napoletano 003
  cdg f ciclamino napoletano 004
  cdg f ciclamino napoletano 005
  cdg f ciclamino napoletano 006
   

 Ciclamino napoletano -- Cyclamen hederifolium