• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f cardo mariano 001   Nome scientifico: SILYBUM MARIANUM
  Nome comune: CARDO MARIANO
  Famiglia: Asteraceae - Compositae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Habitat: diffuso dal mare alle regioni submontane. Può formare vaste estensioni su terreni incolti, pascoli e bordi di strade. Più abbondante nell’Italia centrale e meridionale.


Descrizione

cdg-f-cardo-mariano dis

Pianta erbacea biennale a portamento vigoroso, con fusto eretto che può superare oltre 150 cm di altezza.

La pianta ha radici robuste e fusiformi da cui nel primo di vita, si forma una rosetta di foglie basali e nel secondo lo scapo fiorale. I fusti sono glabri e poco ramificati, ma notevolmente spinosi .

Le foglie basali grandi e sinuose (30-40 cm), hanno superficie lucida e grandi macchie bianche che spiccano sul verde glauco; il margine è dentato e i lobi triangolari terminano con una spina robusta. Le foglie superiori, senza picciolo abbracciano il fusto, più piccole e meno dentate, ma ugualmente spinose.

I fiori sono riuniti in capolini all’apice dei rami, circondati da varie squamosità esterne terminanti in una robusta spina acuminata. Il fiore posto al centro del capolino ha una corolla rossastra-violacea.

Il frutto è un achenio nero schiacciato, sormontato da un pappo di setole biancastre. Il Cardo mariano è una pianta officinale; contiene tannini, amido, mucillagini ed è molto utilizzato in campo erboristico come antiallergico, tonico e diuretico, ma soprattutto come anticongestionante del fegato.

Le radici hanno proprietà febbrifughe, utilizzate da sempre nella medicina popolare. E’ largamente apprezzato per uso alimentare, in ogni sua parte e durante tutto il suo ciclo vegetativo.

I germogli centrali, che hanno lo stesso gusto del cardo, raccolti teneri in primavera, possono essere gustati crudi in insalate. Anche le radici e le foglie giovani, si possono lessare e condire, ma la parte più apprezzata è il ricettacolo del fiore, ritenuto una prelibatezza, che può essere cucinato come un carciofo o può servire per la preparazione di liquori.

L’etimologia della parola che ne descrive il genere, proviene dal greco ‘Silybon’, che rappresenta il termine con cui anticamente veniva chiamato il cardo, in tutte le sue specie. Invece l’epiteto che lo specifica, sembra sia legato alla Madonna. Un’ antica leggenda, narra infatti che Maria, durante la sua fuga in Egitto, nascosta per allattare Gesù, abbia involontariamente fatto cadere delle gocce di latte, che chiazzarono di bianco il verde delle foglie dei cardi che le erano vicino.

                    



  cdg f cardo mariano 002
  cdg f cardo mariano 003
  cdg f cardo mariano 004
  cdg f cardo mariano 005
   
   

Cardo Mariano -- Silybum Mariano