• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-erba-pignola   Nome scientifico: SEDUM ALBUM
  Nome comune: ERBA PIGNOLA - BORRACCINA BIANCA
  Famiglia: Crassulaceae
  Fioritura: Giugno-Luglio
  Habitat: Ambienti rupestri, muri e ghiaie. Substrato calcareo o marnoso fino a 2000m.


Descrizione

cdg-f-erba-pignola dis

Pianta erbacea perenne, succulenta, rizomatosa, tappezzante, di rapida crescita, che forma graziosi ed estesi cespugli alti circa 20 cm.

I piccoli fusti striscianti, prostrati e fragili, spesso sono di colore rossastro, hanno sottili radici che si aggrappano alle fessure del terreno e alle cavità delle rocce. Sono di due tipi: fusti serili abbondantemente fogliosi e prostrati e fusti fioriferi con un numero minore di foglie, ascendenti ma leggermente incurvati al momento che precede la fioritura.

 

Le foglie sono simili a chicchi di riso, spesso fortemente arrossate soprattutto nel periodo invernale. Disposte in maniera alterna, sono di forma oblunga-lineare, cilindrica, molto carnose, verde chiaro sfumate di rossastro; lunghe fino a 9mm, larghe poco più di 1mm, leggermente appiattite nella parte superiore.

 

I fiori si presentano in cime terminali, riuniti in densi corimbi ramificati. Il calice ha piccoli sepali carnosi rossastri saldati alla base. La corolla ha 5 petali oblunghi bianchi, di 3-5 mm con linea centrale rosa e stami violacei.

Ciascun fiore produce 5 follicoli eretti e allungati, disposti a stella, contenenti piccoli semi scuri, appuntiti di appena mezzo mm.

Le foglie della pianta hanno proprietà sedative e antinfiammatorie, anticamente usate per curare ferite e scottature. Veniva anche utilizzato il loro infuso da somministrare  come ultima risorsa, per sedare le persone agonizzanti.

Oggi di questa piantina ne vengono prodotti cultivar per abbellire i giardini rocciosi.

 

Il suo nome potrebbe provenire dal latino  'sedum=sedare', riferito alle proprietà curative della pianta, ma verosimilmente anche dalla voce 'sedeo=mi siedo' alludendo ai suoi fusti prostrati che sembrano sedersi sulle rocce. 'Album=bianco', descrive il colore dei suoi fiorellini.

                    



  cdg-f-erba-pignola 002
  cdg-f-erba-pignola 003
   
   
   
   

Erba pignola -- Sedum album