• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f erica brugo 001   Nome scientifico: CALLUNA VULGARIS
  Nome comune: ERICA - BRUGO
  Famiglia: Ericaceae
  Fioritura: Agosto-Novembre
  Habitat: Luoghi poveri e sassosi, terreni aridi calcarei o silicei, fino a 2000m. Sporadica al Centro Italia, assente al Sud, Sicilia e Sardegna.


Descrizione

cdg-f-erica-brugo dis

Piccolo arbusto sempreverde perenne di aspetto cespuglioso, con portamento a volte eretto, a volte semi prostrato, che ricopre il terreno circostante anche in maniera compatta.

Ha fusti legnosi, tenaci, molto ramificati alti fino a 100 cm. Può formare distese fitte e vistose di piacevole aspetto specialmente durante il periodo della fioritura.

 

Le foglie sono sempreverdi, aghiformi, piccolissime (2-3 x 07mm), simili a squamette appressate al fusto, disposte a coppia, opposte e sfalsate, in posizione alterna rispetto alle precedenti.

 

I fiori ascellari, fanno parte di lunghi racemi (fino a 30 cm) e spesso rivolti dallo stesso lato. Il loro piccolo calice è formato da 6-8 brattee. La corolla ha quattro lobi uniti alla base per 2/3 della lunghezza ed appaiono di forma campanulata. Sono di un piacevole color rosa malva lucente, leggermente penduli, hanno 8 stami e un lungo stilo sporgente. In alcune piante i fiori possono essere bianchi.

Il frutto racchiuso dal calice e dalla corolla è una capsula internamente suddivisa in 4 loculi contenenti piccoli semi ovoidali.

 

Questa bella pianta è piuttosto frequentata dalle api e dà un miele molto aromatico, anche se piuttosto scuro. Le sue proprietà medicinali specifiche per le vie urinarie, erano apprezzate fin dall'antichità come diuretico, depurativo e antinfiammatorio ed anche oggi viene usata in fitoterapia.

 

Il suo nome scientifico proviene dal verbo greco "Ereke" che significa infrangere, in riferimento al suo utilizzo per combattere i calcoli renali. La parola 'Calluna' derivante da un'antica parola greca, col significato di pulire-spazzare.

 

Al momento della fioritura, questa Erica dipinge tutta l'area delle Biancane e delle Fumarole, tra Monterotondo e Sasso Pisano. I folti cespugli accompagnano tutto il percorso e i bei fiori rosati conferiscono all'ambiente un piacevolissimo effetto cromatico che contrasta con i colori delle rocce della zona.

Pianta protetta 'LTR'.

                    



  cdg f erica brugo 002
  cdg f erica brugo 003
  cdg f erica brugo 004
  cdg f erica brugo 005
   
   

Erica (Brugo) -- Calluna Vulgaris