• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-erica   Nome scientifico: ERICA ARBOREA ED ERICA FEMMINA (SCOPARIA)
  Nome comune: ERICA - SCOPA
  Famiglia: Ericaceae
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: Boschi sempreverdi, garighe, macchia mediterranea. Predilige terreni silicei e acidi. Fino a 1200m. In Friuli, Val d'Aosta e nella Pianura Padana, è presente in maniera sporadica..


Descrizione

cdg-f-erica dis

L'Erica è un piccolo albero sempreverde tipico della Macchia Mediterranea.

E' considerato un relitto della vegetazione sub-tropicale dell'epoca Medio-terziara ed è presente in Italia con 8 congeneri, dalle caratteristiche rassomiglianti.

E' una pianta officinale con proprietà diuretiche e antisettiche e un tempo si utilizzavano decotti di fiori per combattere la cistite.

E' pure una buona pianta mellifera, in quanto il suo miele è apprezzato per le sue gradevoli note amaricanti. Dal  ceppo basale, detto "ciocco", si possono ricavare pregiate pipe; da esemplari che dovrebbero aver vissuto almeno 50 anni, perchè il ceppo abbia raggiunto il volume necessario. Infatti il ciocco, per il forte assorbimento di silicio dal terreno, fornisce un legno durissimo, quasi ignifugo, tanto che riesce a resistere agli incendi boschivi, in grado di generare nuovi polloni, che ricolonizzano in breve tempo i terreni arsi. Con i resti della lavorazione delle pipe, una volta si otteneva un carbone, ricercato per le forge dei fabbri e degli artigiani.

L'etimologia della parola "Erica" proviene dal verbo Erèiko, che significa "Spezzare", in quanto si credeva che la pianta fosse in grado di spezzare i calcoli renali.

Erica Arborea (Radica)

E' un piccolo albero talvolta alto fino a 6m, con portamento eretto, chioma densa molto ramificata, con corteccia del tronco rossastra e squamosa. Sui rami più giovani è presente una lanugine che ricopre anche le foglie.

Queste, sono piccolissime, aghiformi con margine dentato, lunghe appena 4-8mm, disposte in verticilli di 3-4 di colore verde scuro.

Anche i fiori sono piccolissimi, larghi 2-3mm, profumati, con corolla campanulata di color bianco-rosaceo, con stilo e antere sporgenti  rossastre. Sono riuniti in grandi infiorescenze terminali.

I frutti sono capsule ovoidi  contenenti numerosi piccoli semi.

 

Erica Scoparia (Scopa Femmina)

Arbusto cespuglioso alto fino a 2m, si differenzia dall'Erica Arborea, in quanto i suoi rami e le foglie appaiono completamente glabri e privi della lanugine che caratterizza la specie "Arborea".

La fioritura è molto abbondante e appariscente. I fiori campanulati di color bianco verdastro, appaiono in tarda primavera.

 

La pianta veniva usata in passato per scope e ramazze, da cui hanno preso il nome anche quelle dei nostri tempi. Veniva utilizzata anche per la copertura di capanne. Anche questa specie, è ritenuta di particolare interesse dagli gli apicoltori.

                    



  cdg-f-erica 002
   
   
   
   
   

Erica Arborea ed Erica femmina -- Erica Arborea