• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-lingua-di-cervo   Nome scientifico: ASPLENIUM SCOLOPENDRIUM (PHYLLITIS SCOLOPENDRIUM)
  Nome comune: LINGUA DI CERVO - SCOLOPENDRIO
  Famiglia: Pteridofitae (Aspleniaceae)
  Sporificazione: Febbraio-Ottobre
  Habitat: ambienti ombrosi, freschi, cavernosi, con preferenza di suoli calcarei. Fino a 1200 metri.


Descrizione

Pianta perenne con corto rizoma ricoperto da squame marronastre e  numerose radichette sottili.

Le sue fronde riunite in rosette irregolari sono lucide, lineari di color verde vivo brillante, talvolta lunghe quasi un metro, con l'inconfondibile caratteristica lamina coriacea larga 4/5 cm. Il margine è intero, leggermente ondulato con apice allungato e acuto e base cordata. Anche i sori sono caratteristici, allungati, obliqui, diseguali rispetto alla nervatura principale centrale, lunghi fino a 3cm; disposti su 2 linee oblique. Le spore sono rotondeggianti, di color marrone chiaro.

Il picciolo è corto, rossastro scuro, piuttosto robusto, ricoperto di piccole squame addensate.
Le fronde prima del completo sviluppo hanno l'apice avvolto a spirale.


Lo Scolopendrium contiene mucillagini e tannini apprezzati in erboristeria per le proprietà espettoranti e emollienti contro la tosse.


Questa felce, onosciuta fin dall'antichità, era citata da Dioscoride per la capacità di contrastare il veleno dei serpenti e la dissenteria; rimedi confermati anche da Galeno, insieme ai decotti per guarire la milza.

Oggi usata in preparati erboristici per il trattamento delle ustioni e dei capelli grassi.

Il suo nome deriva dal greco 'Spein=milza' in riferimento all'antico utilizzo per curarne le infezioni.  'Phyllitis' derivante da 'phyllon' significa foglia. 'Scolopendrium' si riferisce al disegno dei sori che ricordano il millepiedi chiamato 'Scolopendra'.
La singolarità della lamina diversa dalle altre felci, giustifica il nome del genere 'Phyllitis' che signiffica foglia.  A Linneo, che inserì la felce nel genere 'Asplenium', si deve anche l'idea del termine 'scolopendrium', con chiaro riferimento ai sori, che sembrano appunto imitare il millepiedi.

  cdg-f-lingua-di-cervo 002
  cdg-f-lingua-di-cervo 003
  cdg-f-lingua-di-cervo 004
  cdg-f-lingua-di-cervo 005
  cdg-f-lingua-di-cervo 006

Asplenium scolopenrium (Phyllitis scolopendrium) -- Lingua di cervo -

Scolopendrio