• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f lappola bianca 001   Nome scientifico: ORLAYA GRANDIFLORA
  Nome comune: LAPPOLA BIANCA
  Famiglia: Apiaceae
  Fioritura: Maggio-Settembre
  Habitat: Comune nei luoghi incolti, erbosi fino a 800m. Predilige terreni ricchi di azoto e calcio. Prevalentemente si trova nell'Italia Centr. e Settentr., più rara al Meridione. Assente in Sicilia, Sardegna e Calabria.


Descrizione

cdg-f-lappola-bianca dis

Pianta erbacea annuale con fusto eretto, un po' angoloso, alta fino a un metro, con ramificazioni nella parte più alta.

Le sue foglie basali sono composte e suddivise in piccoli segmenti con apice arrotondato. Quelle che si trovano lungo il fusto, hanno forma e funzione di guaina, molto più piccole e meno frastagliate.

 

L'infiorescenza è ombrelliforme anche di oltre 10 cm di diametro, composta da circa 5-9 o più raggi. Ogni singolo fiore è formato da 5 petali candidi, di 8-12mm. I fiori che si trovano all'esterno sono bifidi e molto più grandi di quelli interni (10-15mm), di cui alcuni ermafroditi e altri maschili. La loro appariscenza ha la funzione di attirare gli insetti impollinatori. La loro forma e il colore candido dei petali, ricorda il delicato ricamo di un pizzo.

I frutti (acheni) di circa 7-8 mm, mostrano delle coste ricoperti da piccoli aculei.

 

Questa specie, blandamente tossica, in passato era considerata una pianta infestante specialmente per i raccolti di avena, rendendo il seminato sgradevole e rifiutato dal bestiame.

 

Il suo curioso nome "Orlaya" deriva dal botanico russo Johan Orlay, vissuto nel 1700, al quale è stata dedicata la pianta. L'epiteto "grandiflora" proviene dal latino "grandiflorus" che ovviamente significa "a fiori grandi".

Da qualche anno, la rete degli "Orti Botanici" della Lombardia ha avuto l'iniziativa a scopo benefico di regalare per la festa della donna, insieme alle mimose, 1 bustina di semi di Lappola bianca, per far riscoprire in questo fiore la delicata bellezza e la lunga durata,  apprezzabile come pianta decorativa nei giardini.

                    



  cdg f lappola bianca 002
   
   
   
   
   

Lappola bianca - Orlaya-grandiflora