• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
ombelico-venere   Nome scientifico: UMBILICUS RUPESTRIS
  Nome comune: OMBELICO RUPESTRE – OMBELICO DI VENERE
  Famiglia: Crassulaceae
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: fessure di muri, rupi, luoghi rocciosi umidi e ombrosi anche presso stillicidi d'acqua. Da 0 a 1200m. Non è presente in Val d'Aosta e Veneto.


Descrizione

Pianta erbacea perenne, carnosa e glabra con tubero approssimativamente globoso, marronastro, contornato di piccole radichette.

Il fusto è eretto, cilindrico di color verde chiaro, giallastro e talvolta arrossato, non ramificato, alto da 10 a 60 cm.

Le foglie sono intere e carnose, dalla particolare forma concava-orbicolare con evidente depressione centrale, che ricordano un piccolo ombelico. Sono portate da lunghi piccioli inseriti al centro sul rovescio della lamina fogliare, che ha contorni rotondeggianti. Lungo il fusto le foglie sono poco numerose e decrescono verso l'alto.

L'infiorescenza è portata da un racemo di piccoli fiori penduli campanulati, che sbocciano partendo dal basso, di color bianco-verdastro, sorretti da piccoli peduncoli lunghi pochi mm. Il calice è formato da 5 lobi ovali che si saldano alla base della corolla tubolare. I petali verdastri hanno sfumature rosate e appaiono saldati insieme a formare il tubo che si apre leggermente all'estremità. Hanno 10 stami, anch'essi saldati al tubo corollino.

Il frutto è formato da 5 piccoli follicoli contenenti al loro interno dei minutissimi semini rotondeggianti, marronastri.

 

La pianta conosciuta da sempre per le sue proprietà salutari, veniva usata come diuretico, rinfrescante e antinfiammatorio; in tempi remoti si riteneva che potesse curare l'epilessia.

Le sue foglie private della pellicola esterna e pestate, sono un ottimo rimedio contro foruncoli, ustioni, geloni e piaghe della pelle.

Anche recenti ricerche farmacologiche-cosmetologiche hanno riconosciuto l'efficacia della pianta, per la cura di diverse patologie della pelle per le sue proprietà emollienti, detergenti e rinfrescanti.

In omeopatia viene usato il succo per depurare stomaco e fegato.

Le foglie giovani più tenere sono un buon commestibile da aggiungere alle insalate miste.

 

Il suo nome è chiaramente riferito alla forma rotondeggiante e depressa delle foglie, che ricordano vagamente la forma di un ombelico, mentre l'epiteto descrive il suo habitat rupestre.

 

  ombelico-venere 002
  ombelico-venere 003
  ombelico-venere 004
  ombelico-venere 005
  ombelico-venere 006

Umbilicus rupestris -- Ombelico rupestre - Ombelico di Venere