• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f polmonaria 001   Nome scientifico: PULMONARIA OFFICINALIS
  Nome comune: POLMONARIA
  Famiglia: Boraginaceae
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: Prati e boschi collinari e montani prevalentemente nell' Italia del centro-nord.


Descrizione

cdg-f-polmonaria dis

Pianta erbacea perenne con rizoma carnoso, ramificato e strisciante, da cui si sviluppa la rosetta basale e fusti fioriferi eretti che possono raggiungere  30-40  cm di altezza.

Le foglie sono più o meno triangolari, allungate, con base cuoriforme, piuttosto pelose e ghiandolose, macchiate da zone biancastre o  verde chiaro. Sono portate da un lungo picciolo, mentre quelle del fusto sono molto più piccole e senza gambo.

I fiori sono raccolti in racemi e variano dal color rosa, al viola, all'azzurro a seconda della fase di fioritura. Sono portati dai racemi terminali e si  presentano con un calice tuboloso e peloso con 5 punte triangolari, che si allarga a imbuto terminando in 5 lobi ovali.

I l frutto è composto da acheni ovali terminanti in una punta conica, racchiusi nel fondo del calice che si allunga durante la maturazione.        

Le macchie biancastre presenti sulle foglie della pianta ricordano l'aspetto del tessuto polmonare e i medici medievali seguendo "La Dottrina dei Segni", preparavano decotti e infusi fogliari per la cura delle malattie dei polmoni. Tutto questo ha dato origine al nome della pianta.Con la Polmonaria, ricca di mucillagini e sali minerali, oggi vengono preparati estratti idroalcoolici e tinture per curare la tosse, il mal di gola e le malattie respiratorie.

Le foglie tenere della rosetta, ricche di vitamina A e C, possono essere consumate nelle minestre e in altre preparazioni culinarie.

Secondo alcuni studi, questa specie non sarebbe originaria della Flora Italiana, ma probabilmente introdotta nell'Alto Medio Evo, dalla Spagna e dell'Africa, in seguito naturalizzandosi completamente, tanto da essere spontaneizzata in tutta la nostra Penisola.

                    



  cdg f polmonaria 002
  cdg f polmonaria 003
  cdg f polmonaria 004
   
   
   

Polmonaria -- Pulmonaria officinalis