• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f pigamo colombino bianco 001   Nome scientifico: THALICTRUM AQUILEGIIFOLIUM ALBA
  Nome comune: PIGAMO COLOMBINO BIANCO
  Famiglia: Ranuncolaceae
  Fioritura: Maggio-Giugno
  Habitat: boschi fluviali e di forra, luoghi erbosi freschi e umidi. Terreni calcarei o silicei ricchi di sostanze nutritive. Da 500 a oltre 2000 metri. Non è presente in Sicilia e in Sardegna.


Descrizione

cdg-f-pigamo-colombino-bianco dis

Pianta erbacea perenne con sottili radici rizomatose filiformi. Ha fusti eretti e robusti, flessibili nell’altezza, leggermente striati e glabri, che possono raggiungere oltre 1 metro.

Le foglie di colore verde glauco, sono suddivise in 2-3 segmenti dentati ovati, simili a quelle dell’Aquilegia. Sono portate da piccioli inguainanti la base del fusto, dove sono visibili delle stipole a forma di orecchietta. Lungo il gambo si presentano simili alle basali, ma di dimensione più piccola, disposte in modo alterno, particolarmente numerose verso la sommità..

L’infiorescenza molto elegante e vigorosa, è una pannocchia piuttosto densa, lunga 5-8 cm, che porta numerosi fiori senza petali. Ognuno è costituito da un verticillo di sepali petaloidi, precocemente caduchi, di colore bianco. L’appariscenza è data dai numerosi stami bianchi dai lunghi filamenti e dalle antere giallastre che conferiscono al fiore un aspetto piumoso.

I frutti sono acheni penduli e alati lunghi appena 1 cm, con 3 spigoli contenenti piccoli semi marronastri.

Come tutte le Ranuncolacee, questa pianta è considerata tossica, tanto che anche il bestiame evita di mangiarla.

 

In passato veniva estratto dalle sue radici, un colorante giallo (tossico), utilizzato per tingere la lana. Oggi i numerosi cultivar di questa pianta, sono utilizzati come ornamento dei giardini umidi.

 La parola ‘Thalictrum’ proviene dal greco ‘Thalictron’ che significa ‘verdeggiare’. ‘Pigamo’ invece deriva dal latino ‘Pégamon’, a sua volta dal greco, col significato di ‘sorgente’, riferito agli ambienti umidi che la pianta predilige.

 

Fotografato dall’amica Paola Sprugnoli, lungo il corso del Pavone.

                    



  cdg f pigamo colombino bianco 002
  cdg f pigamo colombino bianco 003
  cdg f pigamo colombino bianco 004
   
   
   

Pigamo colombino bianco -- Thalictrum aquilegiifolium alba