• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f piantaggine 001   Nome scientifico: PLANTAGO LANCEOLATA
  Nome comune: PIANTAGGINE - ORECCHIE DI LEPRE - LINGUA DI CANE
  Famiglia: Plantaginaceae
  Fioritura: Da marzo a maggio
  Habitat: Molto diffusa in Italia. Cresce nei campi, prati,bordi delle strade. Si adatta a tutti i climi e a tutti i terreni, dalla pianura fino alla collina


Descrizione

cdg-f-piantaggine dis

Pianta officinale erbacea, perenne,  di forma estremamente variabile alta fino a 50cm, con breve rizoma e numerose radichette sottili.

Le sue foglie sono strette, lunghe, dritte, lanceolate, con margine intero o dentato, percorse da cinque evidenti nervature. Talvolta possono essere glabre, talvolta un po' pelose, di colore verde brillante.

L'infiorescenza è una spighetta bianco-verdastra, conica composta da numerosi, piccolissimi fiori, attaccati l'uno all'altro, portati su uno stelo che si sviluppa dalla rosetta basale.  Hanno un calice diviso in 4 lobi ovali, con corolla tubolare suddivisa anch'essa in 4, dal cui tubo spuntano gli stami, provvisti di lunghe antere, che si spostano a corona durante il progredire della fioritura.    

Il frutto è una piccola capsula ovale-oblunga, avvolta nel calice persistente, contenente una decina di semini neri rugosi.

Le foglie della Piantaggine, possono essere gustate cotte come gli spinaci, mentre le più tenere tagliate a finissime striscioline trasversali, conferiranno alle insalate un delicato aroma di fungo.

La pianta ha proprietà astringenti, depurative, diuretiche, antinfiammatorie e emollienti. Anticamente veniva usata anche per curare le emorroidi. La poltiglia di foglie di Piantaggine, può servire per alleviare tutte le infiammazioni della pelle e delle mucose, per le scottature e per le punture degli insetti.

 

Curiosità del passato: anticamente la Piantaggine, era chiamata "Erba di Marte",  considerata magica, per chi apparteneva ai segni zodiacali dell'Ariete e dello Scorpione.

Da analisi effettuate su pollini, trovati nelle torbiere e in sedimenti lacustri, è stato riscontrato che la pianta era già presente 5.000 anni fa.

 

Il suo nome deriva dal latino 'Plantago' che significa 'pianta dei piedi'.

                    



  cdg f piantaggine 002
  cdg f piantaggine 003
  cdg f piantaggine 004
   
   
   

Piantaggine -- Plantago lanceolata